Iscriviti

NBA, 30 gennaio 2018: Harden leggendario e Rockets vincenti

Una prestazione leggendaria di James Harden (60 punti, 11 assist e 10 rimbalzi) porta i Rockets alla vittoria contro i Magic. Tifosi dei Clippers sotto shock per la cessione lampo della superstar Griffin, andato ai Pistons: ko contro i Trail Blazers.

Basket
Pubblicato il 31 gennaio 2018, alle ore 10:13

Mi piace
9
0
NBA, 30 gennaio 2018: Harden leggendario e Rockets vincenti

Nella notte della NBA di martedì 30 gennaio 2018 si sono giocate nove gare. Gli Houston Rockets battono gli Orlando Magic per 114-107, tutto merito della prestazione leggendaria di James Harden: la star di Houston mette a segno una gara in cui da solo porta i suoi alla vittoria, con 60 punti, 11 assist e 10 rimbalzi, una prova che rimarrà negli annali. I Rockets si avvicinano al primo posto ad Ovest; per i Magic, invece, Marreese Speights conclude la sua prestazione con 17 punti e 5 rimbalzi.

I Portland Trail Blazers trionfano sul parquet dei Los Angeles Clippers per 104-96: Portland vince approfittando del disorientamento dei giocatori dei Clippers e, soprattutto, dello shock dei tifosi dei Clippers per la cessione lampo e inaspettata della superstar Blake Griffin, che dopo nove anni di Clippers è stato venduto ai Pistons in cambio di Avery Bradley. Per Portland Damian Lillard risolve 28 punti, 7 assist e 4 rimbalzi, per i Clippers Lou Williams riassume 20 punti e 5 assist.

I Toronto Raptors sconfiggono i Minnesota Timberwolves per 109-104.Grande prova di carattere dei Raptors che rimontano lo svantaggio accumulato nella prima parte della gara e vincono nella seconda parte del quarto periodo. Per Toronto si segnala un DeMar DeRozan da 23 punti, 8 assist e 4 rimbalzi, mentre nei Timberwolves Jimmy Butler rende 25 punti, 6 assist e 5 rimbalzi.

Gli Utah Jazz distruggono i Golden State Warriors per 129-99: la capolista è fuori fase in questa serata, i Jazz lo intuiscono e colpiscono a canestro senza pietà, ottenendo ben 30 punti di scarto finale. Per Utah Ricky Rubio accumula 23 punti, 11 assist e 5 rimbalzi, per Golden State Klay Thompson mette assieme 27 punti, 6 assist e 3 rimbalzi.

I Detroit Pistons battono i Cleveland Cavaliers per 125-114: l’euforia dei tifosi per l’inattesa acquisizione di Blake Griffin trascina anche la squadra, che dimentica la crisi e batte con efficacia i talentuosi Cavs. Per Detroit Andre Drummond domina con 21 punti, 22 rimbalzi e 7 assist, per i Cavs LeBron James somma 21 punti, 7 assist e 6 rimbalzi.

I San Antonio Spurs centra la vittoria contro i Denver Nuggets per 106-104: per gli Spurs LaMarcus Aldridge fa suoi 30 punti e 5 rimbalzi, per Denver Jamal Murray si prende 18 punti e 6 rimbalzi. I Washington Wizards battono gli Oklahoma City Thunder per 102-96; nei Wizards Otto Porter Jr. acquisisce 25 punti, 6 rimbalzi e 3 assist, per i Thunder Paul George intabella 28 punti e 6 rimbalzi.

I Sacramento Kings vincono sui New Orleans Pelicans per 114-103: nei re Zach Randolph ottiene 26 punti e 12 rimbalzi, per i pellicani Anthony Davis concentra 23 punti, 13 rimbalzi e 5 assist, I New York Knicks ottengono la vittoria contro i Brooklyn Nets per 111-96: per i Knicks Kristaps Porzingis marca 28 punti e 5 rimbalzi, nei Nets DeMarre Carroll tiene 13 punti e 7 rimbalzi.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Non c'erano segnali che lasciassero presagire la cessione di Blake Griffin, ciò ha generato uno shock generale nei tifosi dei Clippers ed un regalo inatteso ai Pistons, anche se la società crede che le motivazioni dello scambio con Avery Bradley siano giuste e motivate. Cambia maglia un giocatore che, dall'inizio della sua carriera in NBA, nove anni fa, vestiva la stessa casacca. Non si può, però, non dare spazio alla prestazione storica di James Harden, che con la sua tripla doppia da 60 punti riscrive la storia della pallacanestro americana. Anche la sconfitta dirompente dei Warriors contro i Jazz merita un poco di spazio: ai campioni in carica è capitata la classica giornata no, sapranno rialzarsi subito da questa sconfitta.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!