Iscriviti

NBA, 29 gennaio 2021: i Jazz battono di nuovo i Mavericks, i Clippers stravincono in casa dei Magic

La vetta della classifica rimane esclusiva degli Utah Jazz, largamente vincenti contro i Dallas Mavericks. I Los Angeles Clippers travolgono fuori casa gli Orlando Magic.

Basket
Pubblicato il 30 gennaio 2021, alle ore 10:38

Mi piace
8
0
NBA, 29 gennaio 2021: i Jazz battono di nuovo i Mavericks, i Clippers stravincono in casa dei Magic

Nella notte della NBA di venerdì 25 gennaio 2021 si sono giocate dieci partite.
Gli Utah Jazz battono largamente i Dallas Mavericks per 120-101 prendendo subito il controllo delle operazioni in campo ed acquisendo quel margine che permette loro di gestire tutta la partita nel migliore nei modi, contro dei Mavericks non certo nella loro migliore versione. Per Utah si conferma la vetta della classifica ed anche Mike Conley con 22 punti, 9 assist e 3 rimbalzi, per Dallas, Luka Doncic ottiene 25 punti, 7 assist e 6 rimbalzi.

I Los Angeles Clippers stravincono in casa degli Orlando Magic per 116-90 trovando la resistenza dei padroni di casa per poco più di un tempo, quando il gioco degli ospiti diventa più rapido e pressante la retroguardia dei magici cede ed i losangelini vanno a vincere in scioltezza, seguendo in classifica i Jazz. Per i velieri in blu e rosso, Paul George colleziona 26 punti, 9 rimbalzi e 5 assist, nei Magic, Terrence Ross riunisce 24 punti e 4 rimbalzi.

I San Antonio Spurs sconfiggono i Denver Nuggets per 119-109: ottimo passo in avanti per gli Spurs, che devono lottare a più riprese contro le stelle dei Nuggets per conquistare un vantaggio sicuro, e questo si materializza nel quarto periodo con una progressione di livello che permette a San Antonio di affiancare i Nuggets in classifica, con DeMar DeRozan autore di 30 punti e 10 assist, per i Nuggets, Nikola Jokic serve 35 punti, 10 rimbalzi e 5 assist.

NBA: le altre partite

I Brooklyn Nets dilagano in casa degli Oklahoma City Thunder per 147-125: le star dei Nets mettono sin da subito in difficoltà la retroguardia dei Thunder, che capitola e, seppur segnando molto, nulla può contro la differenza di classe collettiva che i neri di Brooklyn sanno proporre. Per i Nets, James Harden va in tripla doppia con 25 punti, 11 assist e 10 rimbalzi, per Oklahoma City, Shai Gilgeous-Alexander compila 25 punti, 5 assist e 4 rimbalzi.

I Charlotte Hornets piegano gli Indiana Pacers per 108-105: gli Hornets conducono per la parte centrale della partita, poi arrivano i Pacers e ripassano avanti, per un finale molto coinvolgente che premia negli ultimi secondi gli Hornets, che tra le loro fila hanno un P.J. Washington da 19 punti, 9 rimbalzi e 3 assist, nei Pacers, Domantas Sabonis somma 22 punti, 11 rimbalzi e 6 assist.

I New Orleans Pelicans battono i Milwaukee Bucks per 131-125: la sfida viene giocata tutta in attacco e la tattica premia ampiamente New Orleans, che nella sezione centrale dell’incontro vanno in fuga, tra terzo e quarto periodo gli ospiti recuperano terreno, non abbastanza per poter arrivare primi al traguardo. Per i pellicani, Lonzo Ball acquisisce 27 punti, 8 assist e 3 rimbalzi, nei Bucks, Giannis Antetokounmpo infila 38 punti, 11 rimbalzi e 5 assist.

I Philadelphia 76ers travolgono in trasferta i Minnesota Timberwolves per 118-94 lasciando solamente il primo tempo in mano agli Wolves, ma con una manciata di punti di margine, nella ripresa escono i 76ers che vanno all’ampio trionfo. Per quelli del 1776, Joel Embiid sintetizza 37 punti, 11 rimbalzi e 3 assist, per i lupi invernali, Malik Beasley imbastisce 22 punti e 5 rimbalzi.

I New York Knicks disintegrano i Cleveland Cavaliers per 102-81 con una eccellente prova, dimostrata dal fatto che vengono recuperati gli iniziali dieci punti di scarto ottenuti da Cleveland e andando a vincere in scioltezza e senza problemi. Per i newyorkesi, Immanuel Quickley controlla 25 punti, 5 rimbalzi e 3 assist, per i Cavs, Darius Garland compone 24 punti e 3 rimbalzi.

I Sacramento Kings passano in casa dei Toronto Raptors per 126-124 andando in fuga ben presto ma rischiando l’assurdo ritorno dei Raptors, che per tre quarti si erano visti ben poco, un peccato che Sacramento riesce a scontare solo con un monito per le prossime gare, visto che la vittoria arriva comunque, con Harrison Barnes che marca 26 punti, 7 rimbalzi e 5 assist. Per Toronto, Pascal Siakam mira 32 punti e 4 rimbalzi.

Gli Atlanta Hawks vincono largamente in casa dei Washington Wizards per 116-100: per Atlanta arriva una vittoria dopo un periodo di risultati altalenanti, approfitta della scarsa forma di Washington ed acquisisce un record positivo da 10 successi e 9 sconfitte. Per gli Hawks, Trae Young comanda con 41 punti, 5 assist e 3 rimbalzi, per Washington, Russell Westbrook offre 26 punti, 6 assist e 4 rimbalzi.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Utah non può essere considerata una sorpresa, perché da molti anni ha preso la scena tra le migliori del gruppo della Western Conference, però rimanere in testa sopra le losangeline significa avere grande tempra, carattere e gioco, infatti gli incontri persi sono al momento solo quattro: serve proseguire per andare a cogliere i migliori risultati possibili e solo il futuro li potrà svelare. I San Antonio Spurs, non proprio tra i primi nei pronostici alla vigilia, sono ancora sul pezzo e coach Gregg Popovich dimostra di saper trarre il meglio da un gruppo che ha insieme giovani e giocatori esperti, pronto anche questa stagione a portare i suoi ai playoff, contro tutte le aspettative negative.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!