Iscriviti

NBA, 27 marzo 2019: ritorno di fiamma dei Thunder e Pacers spediti a casa a mani vuote.

Un parziale di 24-0 di Oklahoma City a metà partita sui Pacers regala alla squadra azzurro-arancio una vittoria per recuperare posizioni in classifica. I Warriors vincono in casa dei Grizzlies.

Basket
Pubblicato il 28 marzo 2019, alle ore 10:43

Mi piace
12
0
NBA, 27 marzo 2019: ritorno di fiamma dei Thunder e Pacers spediti a casa a mani vuote.

Nella notte della NBA di mercoledì 27 marzo 2019 si sono giocate cinque gare.
Gli Oklahoma City Thunder battono gli Indiana Pacers per 107-99: la gara culmina nel massimo dello spettacolo a metà del tempo di gioco, quando Oklahoma City pesca un bruciante 24-0 di parziale in soli sette minuti che cuoce a dovere i Pacers, che da squadra in vantaggio si ritrovano, fino a fine incontro, vittima di una sconfitta che diventa inevitabile. Per i Thunder Paul George domina il tabellino della squadra con 31 punti e 4 rimbalzi, solo tre vittorie nelle ultime dieci gare per Indiana, comunque sempre quarta nella Eastern Conference.

I Golden State Warriors vincono in casa dei Memphis Grizzlies per 118-103. La tenacia di Memphis rende vane le speranze di Golden State di avere in mano le sorti della gara sin dall’inizio, serve un quarto periodo molto concreto e produttivo per i giocatori della Baia per far desistere la difesa degli avversari. Ritorno al primo posto solitario ad Ovest per Golden State, con Stephen Curry che centra 28 punti, 10 rimbalzi e 7 assist, nei Grizzlies Jonas Valanciunas realizza 27 punti e 13 rimbalzi.

NBA: le altre gare

I Portland Trail Blazers ribaltano fuori casa i Chicago Bulls per 118-98: dopo il primo quarto il vantaggio dei pionieri dell’Oregon supera già i venti punti, Chicago non si riprende ed alla squadra in bianco-rosso-nero basta gestire le giocate e le energie sino al termine dell’incontro, con un grande terzo posto nella Western Conference e con Seth Curry che marca dalla panchina 20 punti e 3 rimbalzi, mentre Shaquille Harrison ottiene per i Bulls 21 punti e 10 rimbalzi.

Gli Utah Jazz mandano ko i Los Angeles Lakers per 115-100: ottava vittoria su dieci incontro per i Jazz, che nel primo tempo si portano avanti con costanza e nella ripresa aumentano il punteggio, tenendo lontani i Lakers da ogni velleità di rimonta. Rudy Gobert si conferma protagonista per i jazzisti con 22 punti e 11 rimbalzi realizzati, nei losangelini Kyle Kuzma fissa uno score da 21 punti.

I Washington Wizards marcano il successo in casa dei Phoenix Suns per 124-121, ma il protagonista è di nuovo Devin Booker che, seppur vede la sua squadra sconfitta, risulta devastante per gli avversari, segnando l’ennesima prestazione da fuoriclasse assoluto con 50 punti, 10 rimbalzi e 4 assist fissati nel tabellino. Per i Wizards, che ritrovano la vittoria, Jabari Parker centra dalla panchina 28 punti, 15 rimbalzi e 3 assist.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Devin Booker merita una squadra così modesta come i Phoenix Suns? O, diversamente, perché la dirigenza dei Suns non riesce ad allestire una rosa competitiva da attorniare al suo fenomeno? Le scelte di mercato degli ultimi due anni di Phoenix sono state alquanto discutibili, nell'annata scorsa si è puntato tutto sui giovani, senza ottenere risultati, nel mercato estivo di questa stagione invece hanno trovato ingresso molti giocatori esperti, che hanno lasciato però presto Phoenix, lasciando ruoli importanti scoperti. Phoenix ora deve sperare di pescare bene nel draft, magari la prima scelta che può portare a Zion Williamson, da affiancare all'altro centro giovane e promettente, Ayton: forse, con queste premesse, la fenice può realmente risorgere.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!