Iscriviti

NBA, 26 dicembre 2018: i Raptors trionfano a Miami contro gli Heat. Tutte le gare

I Toronto Raptors vincono in casa dei Miami Heat in una gara molto tirata e dai ritmi altissimi. I San Antonio Spurs fanno capitolare i Denver Nuggets.

Basket
Pubblicato il 27 dicembre 2018, alle ore 15:55

Mi piace
16
0
NBA, 26 dicembre 2018: i Raptors trionfano a Miami contro gli Heat. Tutte le gare

Nella notte della NBA di mercoledì 26 dicembre 2018 si sono disputate dieci partite.
I Toronto Raptors vincono sul parquet dei Miami Heat per 106-104. La partita è stata tirata, con il dominio iniziale di Miami e successivamente con una situazione di equilibrio incessante, che fino all’ultimo ha coinvolto al massimo entrambe le squadre ed ha premiato i Raptors, che vedono di nuovo protagonista Kawhi Leonard con una prova da 30 punti e 8 rimbalzi. Toronto guida la Eastern Conference e registra anche il primo posto assoluto.

I San Antonio Spurs battono i Denver Nuggets per 111-103. La difesa degli Spurs si comporta bene nel corso di tutta la gara e Denver fa fatica a rientrare verso la parità, cedendo quegli spazi che agli avversari consentono di vincere e migliorare ulteriormente la propria posizione in classifica. San Antonio marca l’ottava vittoria nelle ultime dieci gare, Denver perde il primato ad Ovest.

I Los Angeles Clippers battono i Sacramento Kings per 127-118. Con tutti all’attacco, i velieri padroni di casa registrano qualche cosa di più sia sul piano personale che su quello collettivo e si portano in classifica esattamente in pari con i colleghi cittadini dei Lakers, tra il quarto ed il quinto posto ad Ovest. Grande gara della panchina di Los Angeles: Lou Williams racimola 24 punti, 6 assist e 3 rimbalzi, Montrezi Harrell ottiene 22 punti e 9 rimbalzi.

NBA, gli altri risultati della notte

I Brooklyn Nets sconfiggono i Charlotte Hornets per 134-132 dopo due tempi supplementari: le difese si fanno da parte e gli attacchi mettono in piedi uno show spettacolare, ricchissimo di punti e di giocate. Brooklyn piazza negli ultimi istanti dell’incontro il canestro decisivo e si porta a casa una vittoria in cui uno straordinario Spencer Dinwiddie firma 37 punti e 11 assist: per Brroklyn è la nona vittoria nelle ultime dieci partite. Per gli Hornets Kemba Walker somma 35 punti, 6 rimbalzi e 5 assist.

I Dallas Mavericks battono i New Orleans Pelicans per 122-119: altra partita in cui la fase offensiva ha prevalso sul contenimento, rendendo il tutto molto divertente per il pubblico. Con tanto equilibrio e spirito di sacrificio, i Mavericks si riprendono e vincono per uscire dal deficit di risultati delle ultime sfide. Niente da fare per New Orleans, ormai in caduta in classifica, con il penultimo posto ad Ovest.

Gli Indiana Pacers ottengono la vittoria in trasferta contro gli Atlanta Hawks per 129-121. Nemmeno qui si è lesinato nulla in attacco ed i Pacers godono di una,forma superiore, che permette loro di arrivare davanti a dei buoni Hawks, positivi nonostante le loro difficoltà. Otto giocatori in doppia cifra testimoniano l’impatto positivo di tutta la squadra di Indiana in questa sfida.

I Detroit Pistons vincono sui Washington Wizards per 106-95. Il secondo tempo è un monologo dei Pistons che, seppur con un attimo di cedimento, riescono a portare agevolemente in porto il successo che dà loro una vittoria per rimanere più solidi nella zona playoff, che invece i Wizards, in questo momento, non riescono a pregustare a causa dell’avvio disastroso di campionato che ancora pesa troppo sulla graduatoria.

I Minnesota Timberwolves travolgono fuori casa i Chicago Bulls per 119-94. Già dal secondo tempo la partita è chiusa ed in discesa per Minnesota, che non deve più sudare per ottenere la vittoria che mette di nuovo in moto i lupi invernali in una corsa non impossibile alla postseason. Karl-Anthony Towns somma ben 20 punti, 20 rimbalzi e 4 assist.

I Memphis Grizzlies sconfiggono i Cleveland Cavaliers per 95-87. Altra bella dimostrazione di forza della difesa di Memphis, che arrotonda al massimo il risultato avversario e, grazie a questo, prevale e si fa valere su un avversario certamente inferiore, che va a sfociare in questo momento nell’ultimo posto assoluto della classifica NBA.

I Phoenix Suns prevagono al supplementare sugli Orlando Magic per 122-120. Sfida molto intensa e spettacolare che dà ai Suns un supplementare per vincere, centrando l’obiettivo ed ottenendo un’altra vittoria, la quinta nell’ultimo lasso di tempo, togliendo i soli dall’ultima posizione assoluta; Orlando ha problemi di disorganizzazione di gioco che sono emersi molto luminosamente nelle ultime gare, disastrose specie dal punto di vista del contenimento del gioco avversario.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Le tante partite con risultati roboanti danno il senso del modo in cui le squadre NBA propendano quasi sempre per un gioco spettacolare e con molta attenzione all'attacco. La fase difensiva è molto migliorata nella media rispetto a qualche decennio fa, ma la tendenza naturale dei giocatori, dotati di tale talento, è quella di spingere sempre sull'acceleratore e di offrire sempre il massimo sotto canestro, una tendenza che consente a questa lega di essere innegabilmente la più spettacolare al mondo tra le varie competizioni sportive.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!