Iscriviti

NBA, 25 gennaio 2019: i Rockets sconfiggono Toronto, Milwaukee passa contro Charlotte. Tutte le sfide

Gli Houston Rockets sconfiggono i Toronto Raptors al termine di un finale di gara folle: James Harden centra la ventiduesima prova di fila con 30 o più punti. I Milwaukee Bucks battono i Charlotte Hornets: cervi sempre primi.

Basket
Pubblicato il 26 gennaio 2019, alle ore 17:26

Mi piace
13
0
NBA, 25 gennaio 2019: i Rockets sconfiggono Toronto, Milwaukee passa contro Charlotte. Tutte le sfide

Nella notte della NBA di venerdì 25 gennaio 2019 si sono giocate dieci sfide.
Gli Houston Rockets sconfiggono i Toronto Raptors per 121-119: Houston gioca una grande partita fino a tre minuti dalla fine, poi però cade in un finale folle in cui difende male, perde palloni sciocchi e gestisce malissimo il tempo ed il cronometro dei 24 secondi. Ne esce che Toronto sbaglia la conclusione della vittoria e Houston si salva per un soffio. James Harden centra la ventiduesima prestazione di fila con 30 o più punti messi a referto, timbrando 35 punti e 7 assist, mentre Kawhi Leonard per Toronto centra 32 punti, 7 rimbalzi e 5 assist.

I Milwaukee Bucks sbaragliano i Charlotte Hornets per 108-99: ci vogliono tre quarti e mezzo affinché i Bucks conquistino il vantaggio ma, una volta ottenuto, non lo mollano più, lo incrementano e vincono la sesta partita consecutiva. Milwaukee fa crescere il proprio distacco, rendendo forte la posizione da capolista; Giannis Antetokounmpo si prende 34 punti, 14 rimbalzi e 3 assist, Charlotte arretra e rischia di perdere la posizione da postseason.

I Denver Nuggets distruggono i Phoenix Suns per 132-95: compito estremamente semplice per Denver, che nel secondo tempo doma come vuole i poveri Suns, in gravissima difficoltà, mettendo a segno quasi tutte le giocate portate nell’area degli avversari. Denver torna a vincere, mantiene il secondo posto ad Ovest, dall’altra parte continua il calvario di Phoenix, alla settima sconfitta consecutiva.

NBA: gli altri incontri

Gli Utah Jazz superano i Minnesota Timberwolves per 106-102: Utah spreca il grande vantaggio ottenuto e negli ultimi minuti vede riavvicinarsi gli avversari, che non riescono di poco ad arrivare almeno al pareggio. Utah, dopotutto, strappa il successo e viaggia molto forte in classifica. Donovan Mitchell mette insieme per Utah 24 punti, 11 assist e 7 rimbalzi, contro i 33 punti, 10 rimbalzi e 4 assist di Karl-Anthony Towns per Minnesota.

I Brooklyn Nets proseguono il loro momento magico e sconfiggono i New York Knicks per 109-99: risulta decisivo il quarto periodo che porta il vantaggio di Brooklyn ad un buon quantitativo dopo una gara di sostanziale equilibrio. I Nets marcano la diciannovesima vittoria nelle ultime 24 gare. New York crolla al penultimo posto nella Western Conference.

I Los Angeles Clippers troneggiano sul campo dei Chicago Bulls per 106-101 e ricostruiscono un poco di vantaggio sui Lakers, noni ed i primi fuori dalla zona playoff. Gara buona, non certo perfetta, dei Clippers, che però possono contare su un Lou Williams da tripla doppia (31 punti, 10 assist e 10 rimbalzi) e sul solito Tobias Harris, che raccoglie 29 punti, 8 rimbalzi e 3 assist.

I Washington Wizards sconfiggono in trasferta gli Orlando Magic per 95-91: il finale convulso di partita permette ad entrambe le contendenti di cercare di trionfare, ci riesce Washington, che si riprende dalla sconfitta della sera prima contro i Thunder, vincendo una partita decisiva per avanzare in classifica, lasciando indietro proprio i Magic.

I Dallas Mavericks centra il successo sui Detroit Pistons per 106-101. Luka Doncic, dopo un paio di prestazioni un po’ scarne, torna a splendere in un’annata fantastica e regala la vittoria ai Mavericks, con una prova da 32 punti, 8 assist e 8 rimbalzi, che spinge un po’ avanti la squadra texana in graduatoria. Detroit manca di continuità e lo dimostra anche questa partita.

I Sacramento Kings vincono sul parquet dei Memphis Grizzlies per 99-96: gara piena di equilibrio dal primo all’ultimo istante, con i Kings che si appropriano di un successo che li riavvicina alla zona verde, con i Clippers distanti solamente due vittorie da loro. Buona gara anche dei Grizzlies, che non basta però per fermare la crisi di risultati: ottava partita persa in serie.

I Miami Heat battono fuori casa i Cleveland Cavaliers per 100-94. Miami fatica più del previsto a gestire il finale di partita, tiene male un grande vantaggio e consente ai Cavs una parziale rimonta. Negli Heat, settimi ad Est, Justise Winslow si appropria di 27 punti e 7 rimbalzi.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Milwaukee risponde indirettamente ai Golden State Warriors: se i californiani saranno i dominatori della Western Conference, i Bucks vogliono fare lo stesso nella loro suddivisione della parte orientale degli Stati Uniti. Il proprio vantaggio sui secondi, I Raptors, è cresciuto e non permetterà ai Toronto di rientrare con due vittorie e con due sconfitte dei verdi del Wisconsin, quindi un primo distacco di un certo livello tra le due squadre, che si rispondono colpo su colpo da inizio anno. I Bucks vogliono il primo posto assoluto e la finale NBA con il vantaggio casalingo, il massimo che si possa fare per contrastare la corazzata stellare della Baia di San Francisco.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!