Iscriviti

NBA, 24 febbraio 2021: i Jazz abbattono i Lakers, gli Hornets battono fuori casa i Suns

Ventiseiesimo successo per gli Utah Jazz, abbattuti con facilità i Los Angeles Lakers. I Charlotte Hornets fanno il colpo a sorpresa in casa dei Phoenix Suns.

Basket
Pubblicato il 25 febbraio 2021, alle ore 11:02

Mi piace
4
0
NBA, 24 febbraio 2021: i Jazz abbattono i Lakers, gli Hornets battono fuori casa i Suns

Nella notte della NBA di mercoledì 24 febbraio 2021 si sono giocate otto partite.
Gli Utah Jazz abbattono i Los Angeles Lakers con il punteggio di 114-89: l’equilibrio proprio di una grande sfida tiene solamente durante il primo quarto, in seguito i Jazz giocano come sanno fare sorprendentemente in questa stagione, con la vittoria che pare più semplice del previsto pure contro i campioni in carica. Per i Jazz, alla ventiseiesima vittoria, Donovan Mitchell segna 13 punti, 10 rimbalzi e 8 assist, per i Lakers, LeBron James sostiene 19 punti, 4 rimbalzi e 4 assist.

I Charlotte Hornets sorprendono fuori casa i Phoenix Suns per 124-121: primo tempo in mano ai Suns, il secondo è degli Hornets ma all’ultimo minuto i Suns hanno la conclusione per pareggiare, mancata, che blocca la loro vena vittoriosa. Per gli Hornets, settimi ad Est, Malik Monk completa 29 punti e 3 assist, per i Suns, Chris Paul emette 20 punti, 10 assist e 8 rimbalzi.

NBA, le altre partite

I Golden State Warriors battono in trasferta gli Indiana Pacers per 111-107 dove l’equilbrio è duraturo per tutti i 48 minuti di gioco e laddove basta solamente un vantaggio minimo a favore dei guerrieri per conquistare la vittoria, sospinti da uno Stephen Curry da 24 punti, 8 assist e 8 rimbalzi; per i Pacers, a quindici vittorie ed altrettante sconfitte, Domantas Sabonis regola 22 punti, 16 rimbalzi e 4 assist.

I Miami Heat vincono contro i Toronto Raptors con il punteggio di 116-108 e continuano la scalata in classifica, ora ottavi nella Eastern Conference, fermando un’altra squadra che si stava riprendendo come i Raptors, nel contesto di un secondo tempo abbastanza ben tenuto da Miami. Per gli Heat, Jimmy Butler posiziona 27 punti, 10 assist e 8 rimbalzi, per Toronto, Kyle Lowry pratica 24 punti, 8 assist e 7 rimbalzi.

Gli Atlanta Hawks mandano ko i Boston Celtics per 127-112: protagonista della partita è Danilo Gallinari, che mette a segno dieci triple, firmando il record assoluto della sua squadra e che intabella un totale di 38 punti e 6 rimbalzi, guidando i suoi in una sfida dominata. Per i Celtics, nel pieno di una crisi di risultati, Jaylen Brown ritocca 17 punti, 5 assist e 4 rimbalzi.

Gli Oklahoma City Thunder vincono sui San Antonio Spurs per 102-99: la tripla decisiva viene messa a segno da Luguentz Dort, un canestro che spezza l’equilibrio di una partita rimasta tale per gran parte dell’intero minutaggio, Nei Thunder brilla Shai Gilgeous-Alexander con 42 punti, 8 rimbalzi e 4 assist, per gli Spurs, Dejounte Murray annette 27 punti, 9 rimbalzi e 6 assist.

I New Orleans Pelicans sconfiggono i Detroit Pistons per 128-118: i Pistons provano a fare la gara e nella parte centrale godono di un buon vantaggio, i Pelicans hanno altri progetti e ribaltano del tutto il risultato nel corso degli ultimi quindici minuti di gioco. Per i Pelicans, Zion Williamson eroga 32 punti, 6 rimbalzi e 5 assist, per Detroit, Mason Plumlee totalizza 21 punti, 9 rimbalzi e 7 assist.

I Chicago Bulls piegano al supplementare i Minnesota Timberwolves per 133-126: i Bulls sono avanti per quasi tutto l’incontro, ma vengono presi in contropiede proprio allo scadere, quando gli Wolves conquistano il supplementare; Chicago si riscatta e gioca bene il tempo extra, vincendo con Zach LaVine che somma 35 punti, per Minnesota, Karl-Anthony Towns insacca 24 punti, 8 rimbalzi e 5 assist.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - I Jazz, padroni della Eastern Conference e della classifica generale, hanno in questo momento un tale potenziale da annullare anche i Los Angeles Lakers campioni. Le ventisei vittorie in trentadue partite sono un biglietto da visita da mostrare per chiunque voglia pensare di batterli in questa stagione, in tanti si fanno sottomettere nel giro di pochi minuti ed in pochi provano ad opporsi al loro gioco. Utah ha un'occasione unica per raggiungere quel titolo mai conquistato nemmeno con la coppia Stockton - Malone e dovrà perciò mantenere questa intensità e questo livello fino alla conclusione della stagione.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!