Iscriviti

NBA, 22 dicembre 2018: 76ers alla grande sui Raptors. Tutte le partite

I Philadelphia 76ers mettono ko i Toronto Raptors in una grande sfida nell'ambito della Eastern Conference. I Los Angeles Clippers strapazzano i Denver Nuggets.

Basket
Pubblicato il 23 dicembre 2018, alle ore 14:55

Mi piace
13
0
NBA, 22 dicembre 2018: 76ers alla grande sui Raptors. Tutte le partite

Nella notte della NBA di sabato 22 dicembre 2018 si sono giocate sette partite.
I Philadelphia 76ers battono i Toronto Raptors per 126-101. Il primo tempo è molto divertente e combattuto, lo scenario cambia completamente nella seconda parte: Philadelphia avanza rapidamente, Toronto diventa meno lucida e la vittoria dei Sixers assume proporzioni molto ampie. Philadelphia è terza ad Est e Ben Simmons firma 26 punti, 12 rimbalzi e 8 assist; Toronto rimane prima, ma con un margine molto risicato.

I Los Angeles Clippers affondano i Denver Nuggets per 132-111. I blu di Los Angeles viaggiano ad un ritmo costante e superiore a quelli della franchigia del Colorado, raggiungendo dapprimo i dieci punti di margine e poi i venti, senza subire mai la rimonta avversaria. Vittoria importante ed utile a migliorare la classifica dei Clippers, coi Nuggets sempre primi in coabitazione con Thunder e Warriors.

NBA, le altre partite della notte

Gli Oklahoma City Thunder vincono di misura in campo degli Utah Jazz per 107-106. Per due quarti conducono i Jazz, successivamente si fanno avanti i Thunder, che devono difendere strenuamente fino all’ultimo istante il proprio risicato vantaggio, vincendo e registrando un Paul George magistrale, il quale firma 43 punti, 13 rimbalzi e 6 assist: Oklahoma City è prima ad Ovest.

Anche i Golden State Warriors primeggiano nella Western Conference, vincendo contro i Dallas Mavericks per 120-116. Dallas combatte con Golden State fino a tre quarti dell’incontro, poi Golden State arriva fino a 18 punti di vantaggio, li gestisce male, nel finale deve soffrire per vincere; prestazione collettiva eccellente per Golden State, con tanti attori di primo piano, Dallas subisce la quinta sconfitta consecutiva.

Gli Houston Rockets vincono contro i San Antonio Spurs per 108-101. Il ritorno sulle scene di media classifica dei Rockets è dovuta anche ad un James Harden che infila con una continuità disarmante delle prestazioni eccezionali. Stavolta il “Barba” firma 39 punti, 10 assist e 4 rimbalzi, con l’apporto anche di un grande Clint Capela che ottiene 21 punti e 23 rimbalzi.

I Miami Heat sconfiggono i Milwaukee Bucks per 94-87. Partita giocata più sul piano della difesa che in quello dell’attacco, Miami parte forte e gestisce l’incontro per la quasi totalità della gara, giungendo alla vittoria che la proietta di nuovo in zona playoff, con Milwaukee che fallisce l’occasione di avvicinarsi al primo posto nella propria conference.

I Washington Wizards vincono sui Phoenix Suns per 149-146 dopo tre tempi supplementari. Partita infinita e divertentissima, si passa per tre overtime con le due squadre che vogliono vincere assolutamente per avanzare in classifica. I Wizards si prendono il punto dopo la battaglia interminabile. Bradley Beal ottiene per Washington 40 punti, 15 assist  e 11 rimbalzi, Thomas Bryant ci mette 31 punti e 13 rimbalzi. Nei Suns Devin Booker marca 33 punti, 14 assist e 4 rimbalzi, DeAndre Ayton centra 26 punti e 17 rimbalzi.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Lo spettacolo della NBA è servito, dagli incontri più importanti a quelli che lo sono apparentemente di meno. Ecco infatti i big match vinti dai 76ers e Clippers rispettivamente contro Raptors e Nuggets, che riappianano le classifiche delle due conference, quindi ci sono le vittorie di Golden State ed Oklahoma City che si riprendono la prima piazza ad Ovest. Andando avanti, c'è il trionfo che riporta Houston nei quartieri che contano e la vittoria di Miami che ferma Milwaukee. Dulcis in fundo, la gara infinita tra le squadre di bassa classifica, Wizards e Suns, con ben tre supplementari; ecco servite una decina di affermazioni per cui è sempre raccomandato divertirsi con la NBA.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!