Iscriviti

NBA, 2 novembre 2019: i 76ers fanno cinque vittorie battendo i Blazers, i Bucks battono i Raptors

I Philadelphia 76ers rimangono imbattuti battendo quasi allo scadere in trasferta i Portland Trail Blazers. I Milwaukee Bucks sconfiggono con decisione i Toronto Raptors.

Basket
Pubblicato il 3 novembre 2019, alle ore 23:19

Mi piace
10
0
NBA, 2 novembre 2019: i 76ers fanno cinque vittorie battendo i Blazers, i Bucks battono i Raptors

Nella notte della NBA di sabato 2 novembre 2019 si sono giocate otto partite.
I Philadelphia 76ers vincono in casa dei Portland Trail Blazers per 129-128. Mai avanti nel punteggio, Philadelphia fatica molto e Portland rischia di fuggire. La grinta e la convinzione dei ragazzi di coach Brett Brown sono però largamente ricompensate da una rimonta che negli ultimi secondi, con la conclusione di Furkan Korkmaz, vale il successo di un punto. i 76ers giungono a cinque vittorie su cinque con Al Horford che fa suoi 25 punti, 7 rimbalzi e 5 assist, nei Trail Blazers Damian Lillard firma 33 punti, 9 assist e 5 rimbalzi.

I Milwaukee Bucks sconfiggono i Toronto Raptors per 115-105. La prova dei verdi del Wisconsin è solida, con un vantaggio massimo di ventisei lunghezze conquistato circa a metà partita; Toronto prova a ritornare, i Bucks però adottano giuste contromisure difensive e vincono senza patemi. Le squadre ora sono appaiate in classifica a quattro vittorie e due sconfitte. Per Milwaukee Giannis Antetokounmpo marca 36 punti, 15 rimbalzi e 8 assist, nei Raptors Kyle Lowry fa faville con 36 punti, 6 assist e 4 rimbalzi.

NBA: le altre partite

I Minnesota Timberwolves sottomettono fuori casa i Washington Wizards per 131-109; il copione della partita è molto semplice, i Timberwolves spingono fin da inizio gara, mandando fuori gira la difesa non irreprensibile di Washington, fuori gara già nel secondo tempo. Ottimo inizio di stagione per Minnesota (quattro vittorie ed una sconfitta) e Andrew Wiggins calcola 21 punti, 6 assist e 5 rimbalzi, per Washington Bradley Beal ottiene 30 punti.

I Denver Nuggets si prendono il punto in casa degli Orlando Magic per 95-87. Orlando conduce fino alla prima parte del terzo quarto, Denver supera gli avversari ma soffre nel finale, dove si difende come meglio riesce e conquista ai liberi un vantaggio rassicurante che vale il successo. Nelle pepite del Colorado Nikola Jokic combina 20 punti, 7 rimbalzi e 4 assist, tra i magici Nikola Vucevic mette insieme 24 punti e 7 rimbalzi.

I Phoenix Suns si confermano battendo in trasferta i Memphis Grizzlies per 114-105: la lotta per il vantaggio nel primo tempo trova una svolta nella ripresa, dove Phoenix si dimostra più in forma e con un’idea di gioco molto chiara instaurata da coach Monty Williams; per Phoenix Devin Booker dà una mano ai Suns con 21 punti, Ja Morant accumula per gli orsi 24 punti, 7 assist e 3 rimbalzi.

I Detroit Pistons concretizzano la vittoria contro i Brooklyn Nets per 113-109: dopo un ottimo avvio, Detroit ha un calo, con Brooklyn che ne approfitta per guadagnare un buon margine; anche i newyorkesi, però, hanno molti problemi da risolvere, tanto che i pistoni concludono con un ottimo parziale e vincono la loro terza gara stagionale, con Andre Drummond ancora esplosivo con 25 punti, 20 rimbalzi e 6 assist. Per i Nets, in difficoltà, Kyrie Irving iscrive una tripla doppia da 21 punti, 11 rimbalzi e 10 assist.

I Charlotte Hornets regolano in trasferta i Golden State Warriors per 93-87: i non precisi Hornets contro i Warriors falcidiati dagli infortuni e da un avvio di annata disastroso danno vita, come prodotto, ad una partita con tanti errori e poche segnature. Gli Hornets conquistano la vittoria nella lotta degli ultimi istanti e si portano a 3 vittorie e 3 sconfitte, con Dwayne Bacon che recita una prova da 25 punti e 6 rimbalzi; per i Warriors, ora a una vittoria e cinque sconfitte, Eric Paschall mette a segno 25 punti e 4 rimbalzi.

Gli Oklahoma City Thunder superano i New Orleans Pelicans per 115-104: la produttività offensiva del reparto dei piccoli di Oklahoma City fa la differenza in tutto il corso dell’incontro, sfruttando le incertezze del sistema di gioco dei giovani Pelicans. Oklahoma City ritrova il successo con Shai Gilgeous-Alexander che timbra 23 punti, 8 rimbalzi e 4 assist, mentre per New Orleans JJ Redick realizza dalla panchina 17 punti e 3 rimbalzi.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Mentre è poco produttivo spendere altre parole sul perfetto avvio dei Philadelphia 76ers, la bella gara tra Milwaukee e Toronto ha messo in campo argomenti di gioco e di talento molto elevati per prevedere ancora le due squadre tra le protagoniste nella stagione e nella Eastern Conference: giocatori in grado di essere decisivi, gioco ben impostato, buone difese ed idee molto chiare. I Phoenix Suns forse stanno uscendo dal lunghissimo tunnel durato quasi un decennio, questo può essere davvero l'anno buono per tornare ai playoff, grazie alla cura di coach Monty Williams; lo stesso buio percorso in cui rischiano di entrare gli ormai ex splendenti Golden State Warriors che, distrutti dagli infortuni, rischiano di vivere un annata che definire pessima potrebbe essere un eufemismo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!