Iscriviti

NBA, 18 gennaio 2019: i Warriors conquistano il campo dei Clippers. Tutti gli incontri

I Golden State Warriors schierano per la prima volta il loro quintetto di partenza di All-Star e piegano piuttosto facilmente in trasferta i Los Angeles Clippers. I Celtics sconfiggono i Grizzlies.

Basket
Pubblicato il 19 gennaio 2019, alle ore 19:38

Mi piace
9
0
NBA, 18 gennaio 2019: i Warriors conquistano il campo dei Clippers. Tutti gli incontri

Nella notte della NBA di venerdì 18 gennaio 2019 si sono giocati sette incontri.
I Golden State Warriors vincono in casa dei Los Angeles Clippers per 112-94. Per la prima volta i Warriors schierano il loro magico quintetto di All-Star (Curry, Thompson, Durant, Green e Cousins) ed il risultato è una vittoria piuttosto agevole contro un avversario, i Clippers, che non stanno vivendo il loro miglior momento stagionale. In tutto questo Stephen Curry comanda il tabellino dei Warriors con 28 punti, 5 rimbalzi e 4 assist, nei Clippers, ora fuori dalla zona playoff dopo cinque sconfitte consecutive, Tobias Harris marca 28 punti e 9 rimbalzi.

I Boston Celtics sconfiggono i Memphis Grizzlies per 122-116: nel secondo tempo i verdi del Massachusetts tengono costantemente un vantaggio minimo, che però i Grizzlies non riescono mai a portare al pareggio, quanto basta a Boston per ottenere una vittoria utile ad avvicinarsi al quarto posto nella Eastern Conference. Kyrie Irving gioca in modo straordinario e si prende 38 punti, 11 assist e 7 rimbalzi.

NBA, gli altri incontri della notte

I San Antonio Spurs la spuntano in casa dei Minnesota Timberwolves per 116-113: partita molto combattuta, in cui San Antonio ha saputo gestire meglio il vantaggio negli ultimi minuti di gioco. Minnesota prova il tiro del pareggio, che però si spegne senza alcun pericolo, regalando un altro successo agli Spurs, che conquistano la quinta piazza nella Western Conference, con Minnesota che latita sotto la zona verde.

I Brooklyn Nets conquistano la vittoria sul campo degli Orlando Magic per 117-115: Orlando, dal primo al quarantasettesimo minuto, è sempre in vantaggio. Proprio nell’ultimo minuto i Nets si prendono il margine che vale la vittoria e vanno in positivo, con 24 vittorie e 23 sconfitte, tenendo il sesto posto ad Est. D’Angelo Russell prosegue nel suo momento d’oro e sigla 40 punti e 7 assist.

I Portland Trail Blazers firmano la vittoria contro i New Orleans Pelicans per 128-112: successo mai in discussione ed i Blazers risalgono, nella loro stagione da montagne russe, addirittura alla terza posizione ad Ovest,  in un momento positivo che la squadra di Portland vorrebbe prolungare anche nei prossimi incontri. Troppe incertezze difensive per New Orleans, che vede allontanarsi un posto nei playoff.

I Detroit Pistons battono i Miami Heat per 98-93: i Pistons dominano per più di metà gara, quindi c’è il sorpasso degli Heat, infine le due squadre danno vita ad un finale spettacolare, che premia la squadra del Michigan, che tenta di migliorare la propria classifica. Blake Griffin mette a segno una grande prova per Detroit con un totale di 32 punti, 11 rimbalzi e 9 assist.

Gli Utah Jazz sconfiggono i Cleveland Cavaliers per 115-99: il divario tra le due squadre è eccessivo, Utah raggiunge addirittura i 38 punti di margine, per poi giungere al traguardo con estrema tranquillità. Sesta vittoria consecutiva per i Jazz, sempre più intenti a scalare la classifica, Cleveland conferma l’ultima posizione assoluta.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Il quintetto di All-Star di Golden State è finalmente sceso in campo: il risultato è stato subito evidente, una facile vittoria in casa dei Clippers, con tutti i membri dei cinque di partenza che hanno segnato in doppia cifra. Una squadra così, è chiaro, è difficile da battere, tanto più che Golden State, nella prima parte di annata in cui ha registrato vari infortuni, ha saputo limitare i danni al massimo. In questo momento sarà difficile mettere al tappeto la squadra di Oakland, che può iniziare a pensare in grande di nuovo, puntando al famoso "three-peat", i tre titoli consecutivi.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!