Iscriviti

NBA, 16 marzo 2019: i Warriors devastano i Thunder, Denver batte Indiana. Tutti gli incontri

Vittoria che vale la vetta ad Ovest per i Golden State Warriors, ok in casa degli Oklahoma City Thunder. I Denver Nuggets, con un canestro di Millsap, vincono una difficile partita contro gli Indiana Pacers.

Basket
Pubblicato il 17 marzo 2019, alle ore 21:11

Mi piace
6
0
NBA, 16 marzo 2019: i Warriors devastano i Thunder, Denver batte Indiana. Tutti gli incontri

Nella notte della NBA di sabato 16 marzo 2019 si sono disputate otto partite.
I Golden State Warriors vincono fuori casa contro gli Oklahoma City Thunder per 110-88. Dal primo minuto i Warriors prendono il controllo della partita, distaccano gli avversari e non si fanno più riprendere, rendendo Westbrook e compagni completamente inoffensivi. Primo posto confermato ad Ovest per i Warriors con uno Stephen Curry forte con 33 punti, 7 rimbalzi e 3 assist, Paul George centra 29 punti e 13 rimbalzi per i Thunder.

I Denver Nuggets superano di un soffio gli Indiana Pacers per 102-100: il primo tempo a proprio favore non serve ai Pacers, i Nuggets rimontano nella ripresa, ma a loro volta i battistrada recuperano terreno ed arrivano fino al 100-100, quando Paul Millsap, a due secondi dalla fine, centra il canestro che vale la vittoria per Denver: Nikola Jokic firma 26 punti, 7 rimbalzi e 5 assist, mentre per Indiana, al quarto posto ad Est, Thaddeus Young centra 18 punti e 10 rimbalzi.

NBA: gli altri incontri della notte

I San Antonio Spurs sconfiggono i Portland Trail Blazers per 108-103: ottava vittoria consecutiva per gli speroni texani, che prendono il punto della posta in palio solo negli ultimi minuti, dopo aver fatto i conti con gli scattanti Blazers per tutto l’incontro. San Antonio si avvicina alla terza posizione della Western Conference con l’apporto di DeMar DeRozan (21 punti, 8 rimbalzi e 3 assist), Portland rimane in corsa per lo stesso obiettivo e Damian Lillard si accaparra 34 punti, 6 rimbalzi e 5 assist.

Gli Utah Jazz sorpassano i Brooklyn Nets per 114-98; prova autorevole e decisa di Utah, sempre sul pezzo e soprattutto sempre in grado di imporre un vantaggio oltre i 20 punti sui Nets, che non hanno mai trovato gioco e contromosse per bloccare i giocatori di Salt Lake City. Utah è quasi ai playoff e Rudy Gobert si impone con 23 punti e 17 rimbalzi, i Nets sono in questo momento settimi nella Eastern Conference.

I Boston Celtics mandano al tappeto gli Atlanta Hawks per 129-120. Ottima prova dei ragazzi di coach Stevens, specie per l’apporto offensivo decisivo di tutti i giocatori, atti a superare l’ottima propensione all’attacco di Atlanta, che ha disputato una partita dai buoni contenuti tecnici. Kyrie Irving firma per Boston 30 punti, 11 rimbalzi e 9 assist, per Atlanta Trae Young raccoglie 26 punti, 4 assist e 4 rimbalzi.

I Washington Wizards sconfiggono i Memphis Grizzlies per 135-128: la gara è incerta e le due squadre giocano alla pari. La fame di vittoria, però, è superiore per Washington, ancora in lotta per la postseason, e questo nel finale fa la differenza. Straordinario Bradley Beal, realizzatore di 40 punti, 7 assist e 5 rimbalzi per i maghi, negli orsi Mike Conley ottiene 28 punti, 12 assist e 3 rimbalzi.

I Phoenix Suns sconfiggono al supplementare e fuori casa i New Orleans Pelicans per 138-136, per un incontro divertentissimo ed in bilico per quasi tutti i 53 minuti di gioco. Phoenix, nonostante un’ultima posizione marcatissima ad Ovest, ha vinto sei delle ultime dieci gare, con il solito Devin Booker fenomenale da 40 punti, 13 assist e 5 rimbalzi; per i Pelicans eccezionale tripla doppia dell’ex Elfrid Payton: 16 punti, 16 assist e 13 rimbalzi.

I Dallas Mavericks negano il successo ai Cleveland Cavaliers per 121-116: i ventuno punti di vantaggio di Dallas a metà secondo quarto danno una tranquillità relativa alla squadra texana, che gestiscono bene, anche se i cavalieri ritornano vicino al pareggio negli ultimi istanti della partita. Tim Hardaway Jr. marca per Dallas 22 punti e 4 rimbalzi, per Cleveland l’ottimo rookie Collin Sexton segna 28 punti, 4 assist e 3 rimbalzi.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Gli scontri diretti della serata hanno premiato le squadre della Western Conference, i Golden State Warriors ed i Denver Nuggets, che così continuano a prolungare la loro sfida per la prima posizione ad Ovest, distanti l'una dall'altra di una sola vittoria. Nessuno cede, eccetto qualche passo falso anche fisiologico, e credo che questa rincorsa possa durare anche fino all'ultima giornata della regular season. Segnalo di nuovo i San Antonio Spurs, all'ottava vittoria consecutiva e che sono lanciati, fra le incertezze di Rockets, Thunder e Trail Blazers, verso la terza posizione ad Ovest, per loro alla portata.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!