Iscriviti

NBA, 15 gennaio 2019: Warriors devastanti, Nuggets annullati in casa. Tutte le partite

I Golden State Warriors si avvicinano alla vetta della Western Conference vincendo sul parquet dei Denver Nuggets con una prova devastante. I Bucks demoliscono gli Heat.

Basket
Pubblicato il 16 gennaio 2019, alle ore 12:38

Mi piace
14
0
NBA, 15 gennaio 2019: Warriors devastanti, Nuggets annullati in casa. Tutte le partite

Nella notte della NBA di martedì 15 gennaio 2019 si sono disputate sei partite.
I Golden State Warriors trionfano in casa dei Denver Nuggets per 142-111: la partita tra le migliori squadre della Western Conference gode di un primo tempo equilibrato e molto divertente, nella seconda frazione i Warriors giocano ai massimi livelli, come sanno fare, e demoliscono le certezze dell’ex capolista ad Ovest con una prestazione fantasmagorica. Golden State torna a governare la propria conference con Stephen Curry e Klay Thompson che segnano 31 punti a testa.

I Milwaukee Bucks sconvolgono i Miami Heat con una vittoria per 124-86, con il dominio assoluto del team in verde, che cressce minuto dopo minuto al passo del vantaggio che incrementa sempre più. I Bucks rendono più solida la propria seconda posizione ad Est con un gioco che convince gara dopo gara, mentre Miami deve subire una sconfitta devastante dopo un periodo decisamente positivo

NBA: le altre partite della notte

I Philadelphia 76ers azzerano i Minnesota Timberwolves per 149-107, Minnesota rimane spettatrice fin dalla palla a due ed è impotente di fronte alla migliore versione stagionale dei 76ers, distruttivi come non mai in attacco ed efficaci nella fase difensiva finché il risultato è rimasto solo teoricamente rimontabile da parte dei Timberwolves. Joel Embiid comanda i Sixers con grande efficacia e marcando 31 punti, 13 rimbalzi e 3 assist.

Gli Indiana Pacers fanno fuori i Phoenix Suns per 131-97, con la partita a senso unico da parte dei gialli di Indianapolis, che gestiscono tranquillamente l’incontro contro l’ultima classificata della Western Conference. Indiana porta al traguardo ben sette dei suoi elementi in doppia cifra realizzativa e consolidando la propria posizione di vertice.

Gli Atlanta Hawks superano gli Oklahoma City Thunder per 142-126. Il primo quarto è equilibrato, quindi Atlanta tenta di fuggire, venendo rimontata alle porte del quarto conclusivo, ma gli Hawks non si disperano, giocano molto bene e vincono, abbandonando le ultime posizioni della classifica.Trae Young convince con una prova da 24 punti, 11 assist e 6 rimbalzi per Atlanta.

I Los Angeles Lakers tornano a vincere dominando i Chicago Bulls per 107-100: i Lakers tentano di interrompere il loro periodo di netta crisi con un successo concretizzato nel quarto periodo, consapevoli di aver battuto però una delle squadre peggiori di questo campionato. I Lakers riprendono il loro cammino verso la postseason, i Bulls vedono avvicinarsi l’ombra dell’ultima posizione assoluta.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Golden State si riprende, come sua abitudine nelle ultime stagioni, la vetta della Western Conference. Nella gara di grande impatto in casa dei Nuggets il team californiano ha portato sul parquet la migliore versione del suo attacco devastante ed ha messo in mostra quella fase difensiva che l'ha aiutata a vincere tre degli ultimi quattro titoli NBA. Tra pochi giorni, oltretutto, sarà pronto ad esordire DeMarcus Cousins con la maglia gialloblu, completando per la prima volta il quintetto stellare con Curry, Thompson, Durant e Green. Osserveremo da qui in poi se i Warriors saranno capaci di mantenere la loro posizione di vertice o meno.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!