Iscriviti

NBA, 14 gennaio 2020: i Bucks travolgono i Knicks, i Grizzlies sorprendono i Rockets

Nono successo in dieci gare per i Milwaukee Bucks, che hanno gioco facile contro i New York Knicks. I Memphis Grizzlies continuano a stupire e stendono i Rockets, consolidando l'ottavo posto ad Ovest.

Basket
Pubblicato il 15 gennaio 2020, alle ore 20:44

Mi piace
11
0
NBA, 14 gennaio 2020: i Bucks travolgono i Knicks, i Grizzlies sorprendono i Rockets

Nella notte della NBA di martedì 14 gennaio 2020 si sono giocati sei incontri.
I Milwaukee Bucks travolgono i New York Knicks per 128-102: si comprende fin da subito la superiorità dichiarata dei Bucks, che dopo un primo quarto di tranquilla gestione volano verso i 30 punti di margine e si godono la nona vittoria in dieci partite, nonché la vetta assoluta della classifica. Per Milwaukee Giannis Antetokounmpo fa quello che vuole con 37 punti, 9 rimbalzi e 4 assist, per New York Julius Randle marca 25 punti, 15 rimbalzi e 3 assist.

I Memphis Grizzlies spengono gli Houston Rockets per 121-110: parte bene la squadra texana, poi gli azzurri del Tennessee conducono dal secondo quarto, soffrono le offensive avversarie ma giocano di più e meglio e sorprendono i Rockets. Per Memphis, che consolida l’ottavo posto ad Ovest, Ja Morant vola con 26 punti, 8 assist e 5 rimbalzi, per i rossi James Harden produce ben 41 punti, 6 assist e 6 rimbazli.

Gli Utah Jazz vincono sul campo dei Brooklyn Nets per 118-107 grazie al secondo tempo di grande spessore tecnico e realizzativo, gli spazi che restano aperti per attaccare a Brooklyn si restringono e Utah si presenta nettamente avanti sul rettilineo del traguardo. Jazz secondi nella Western Conference e Ruby Gobert assembla 22 punti, 18 rimbalzi e 4 assist, nei Nets Kyrie Irving rende 32 punti, 11 assist e 5 rimbalzi.

I Los Angeles Clippers sconquassano i Cleveland Cavaliers per 128-103 con una prova eccezionale del proprio leader, Kawhi Leonard, che condisce la serata con 43 punti, 4 assist e 3 rimbalzi, permettendo ai Clippers un altro successo valido per lottare per il secondo posto della Western Conference. Nei Cavaliers Collin Sexton segna 25 punti.

I Dallas Mavericks fanno piazza pulita in casa dei Golden State Warriors per 124-97 lasciando le briciole ai blu e gialli fin da subito, con la forbice che si amplia minuto dopo minuto a favore di Dallas, maestosa con un gruppo che interpreta bene la propria parte sul campo e con Luka Doncic che rifila 20 punti e 8 rimbalzi. Warriors al nono ko consecutivo, con Jordan Poole che dalla panchina rinviene 17 punti e 5 assist.

Gli Atlanta Hawks battono i Phoenix Suns per 123-110, rimangono ultimi nella Eastern Conference ma abbandonano l’ultima piazza assoluta superando i Warriors, merito di una prova vivace e forte dal punto di vista offensivo, scacciando un lungo momento di buio. Negli Hawks Trae Young risplende con 36 punti, 10 assist e 4 rimbalzi. Nei Suns Devin Booker accorpa 39 punti, 7 rimbalzi e 3 assist.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Riflessione sull'orrore della stagione dei Warriors, passati dalle stelle delle cinque finali consecutive (e dei tre titoli) all'ultimo posto assoluto. Un mix di sfortuna (innegabile la mancanza di Curry, Thompson, Looney e della sorpresa stagionale Damion Lee) e di pessimo gioco, di impegno decrescente in proporzione alla colata a picco del morale, ne sono testimoni le ultime dichiarazioni di giocatori come Green e Spellman; certo che con giocatori come Draymond Green e D'Angelo Russell in campo ci si aspetta comunque molto di più. Sembra ormai certa una strategia di tanking (tendenza a perdere) per sperare nella buona sorte della lotteria del draft e trasformare questa stagione di amara transizione in una prima scelta al prossimo Draft. Il tanking, per fortuna, negli ultimi anni non ha pagato (vedere New York e la sua crisi senza fine per credere), i Warriors hanno semplicemente bisogno del ritorno sul parquet delle proprie star in perfette condizioni per tornare a dominare.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!