Iscriviti

NBA, 12 febbraio 2019: i Warriors spazzano via i Jazz, i Celtics vincono a Philadelphia. Tutti gli incontri

Con il solito incedere offensivo, i Golden State Warriors si prendono la vittoria contro gli Utah Jazz. I Boston Celtics la spuntano sul parquet dei Philadelphia 76ers.

Basket
Pubblicato il 14 febbraio 2019, alle ore 09:28

Mi piace
12
0
NBA, 12 febbraio 2019: i Warriors spazzano via i Jazz, i Celtics vincono a Philadelphia. Tutti gli incontri

Nella notte della NBA di martedì 12 febbraio 2019 si sono giocate cinque gare.
I Golden State Warriors dominano contro gli Utah Jazz con il punteggio di 115-108. Per tre quarti Utah ingabbia l’attacco dei Warriors, costringendoli ad una partita punto a punto, ma quando nel quarto periodo il potenziale offensivo dei guerrieri si libera, i Jazz possono solo cercare di rispondere, non con la stessa efficacia. I Warriors comandano agevolmente la Western Conference con un’ottima partita di Kevin Durant, marcatore di 28 punti e 7 assist. Utah per ora permane al sesto posto della stessa conference, con Donovan Mithcell che acquisisce 25 punti e 7 rimbalzi.

I Boston Celtics la spuntano sul parquet dei Philadelphia 76ers per 112-109. Partita di primissimo livello, sia per le contendenti in campo, che per il punteggio in equilibrio, che per gli spunti tecnici offensivi e difensivi ammirati. I Celtics acquisiscono i tre punti di vantaggio nel finale della partita, i Sixers provano a rispondere sulla sirena senza una concreta conclusione a canestro. Boston passa i 76ers in classifica con i 26 punti, 4 rimbalzi e 3 assist di Gordon Hayward, centrati dalla panchina. Per Philadelphia il solito Joel Embiid ottiene 23 punti, 14 rimbalzi e 3 assist.

NBA: le altre gare

I San Antonio Spurs trionfano sul filo di lana in casa dei Memphis Grizzlies per 108-107: A seguito di una grande battaglia per il punto del successo, Memphis riesce ad ottenere due tiri liberi per pareggiare ad un secondo dalla fine: Jaren Jackson Jr. però sbaglia il primo libero, tentando di mandare sul ferro il secondo per provare una schiacciata al volo, però la palla centra il bersaglio con il libero e la partita si chiude. San Antonio si porta ad una sola vittoria di scarto dal sesto posto dei Jazz, Memphis registra un Avery Bradley da 33 punti, 6 assist e 6 rimbalzi.

Gli Atlanta Hawks sconfiggono i Los Angeles Lakers per 117-113: i Lakers tentano di dominare nel primo tempo, nel secondo i falchi si fanno avanti, prendono un vantaggio che raggiunge al massimo i dieci punti e lo difendono egregiamente sino alla conclusione. Negli Hawks Trae Young gioca alla grande con un totale di 22 punti, 14 assist e 6 rimbalzi, nei lacustri, ora in negativo con 28 vinte e 29 perse, LeBron James fa sua una tripla doppia da 28 punti, 16 assist ed 11 rimbalzi.

Gli Orlando Magic demoliscono fuori casa i New Orleans Pelicans per 118-88: la partenza flash dei Magic, già avanti 36-9 a neanche primo quarto scaduto, segna per sempre il destino della gara, con i Pelicans fuori dall’incontro e con Orlando che ottiene la quarta vittoria consecutiva, in rimonta in classifica. 25 punti, 17 rimbalzi e 3 assist sono il bottino di Nikola Vucevic, dei Magic, New Orleans ed Anthony Davis non pervenuti.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Marcia senza soluzione di continuità, quella dei Golden State Warriors: nelle ultime 27 gare, ben 24 vittorie e sole 3 sconfitte, nel segno di uno stato di forma trovato appieno dopo il primo terzo di stagione e, specialmente, con DeMarcus Cousins che ha completato il quintetto di All-Star in maniera egregia, colmando i pochi punti a vuoto di uno squadrone che ha tutte le carte in regola per ripetersi e centrare il three-peat in questa stagione. Proprio oggi si è notato come l'attacco dei Warriors sia devastante: ad 81 punti dopo tre quarti, lontani dalla loro media impressionante, negli ultimi 12 minuti i guerrieri si sono scatenati, hanno firmato 34 punti e distrutto dei Jazz fino a quel momento padroni della difesa. Quello che tutti hanno notato ormai da due mesi ad ora, le avversarie in particolare, è che contro questi fenomeni quasi nessuna contromisura si rivela efficace.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!