Iscriviti

NBA, 11 gennaio 2021: i Bucks vincono travolgono i Magic, gli Hawks stoppano i 76ers

Settima vittoria stagionale per i Milwaukee Bucks, travolgenti sul parquet degli Orlando Magic. Gli Atlanta Hawks dominano nell'incontro con i Philadelphia 76ers.

Basket
Pubblicato il 12 gennaio 2021, alle ore 13:39

Mi piace
0
0
NBA, 11 gennaio 2021: i Bucks vincono travolgono i Magic, gli Hawks stoppano i 76ers

Nella notte della NBA di lunedì 11 gennaio 2021 si sono giocate sette gare.
I Milwaukee Bucks travolgono fuori casa gli Orlando Magic per 121-99: gara per tre quarti aperta e con tutte e due le compagini coinvolte nella lotta per vincere, quindi nel quarto periodo i Bucks distruggono gli avversari e firmano la settima vittoria a fronte di quattro sconfitte. Per i Bucks, Khris Middleton centra 20 punti, 10 rimbalzi e 3 assist, nei Magic, Nikola Vucevic assembla 28 punti, 13 rimbalzi e 5 assist.

Gli Atlanta Hawks stendono i Philadelphia 76ers per 112-94: non basta il solo rientro di Joel Embiid per Philadelphia, gli Hawks contro una rosa di Philadelphia ridotta ha vita facile e ne approfitta per cancellare gli ultimi brutti risultati, mettendosi in parità nel record tra vittorie e sconfitte (cinque). Per Atlanta, Trae Young somma 26 punti, 8 assist e 3 rimbalzi, per Philadelphia, Joel Embiid sistema 24 punti e 11 rimbalzi.

NBA, le altre partite

I Charlotte Hornets piegano i New York Knicks per 109-88 giocando bene per il primo parziale , permettendo un piccolo vantaggio ai newyorkesi nel secondo quarto e da quel punto recitare un ruolo da protagonisti, con il margine che cresce fino a diventare incolmabile nel quarto periodo. Ottimo periodo per gli Hornets, che trovano un Gordon Hayward da 34 punti, 3 assist e 3 rimbalzi, per i Knicks, Kevin Knox II emette 19 punti e 5 rimbalzi.

I Sacramento Kings sconfiggono gli Indiana Pacers per 127-122: i re californiani sono attenti a non lasciare scappare Indiana che, più volte, si porta in testa; i Kings provano una fuga e vengono respinti, ma il finale è loro come il punto in palio nell’incontro. Per Sacramento, Harrison Barnes accede a 30 punti e 8 rimbalzi, nei Pacers, Domantas Sabonis compila 28 punti, 11 rimbalzi e 3 assist.

I Washington Wizards malmenano i Phoenix Suns con il punteggio di 128-107. Phoenix non è in serata, Washington va a segno in ogni circostanza e contiene i suoi limiti difensivi; anche senza Westbrook, i Wizards fanno il loro dovere, dove naturalmente c’è Bradley Beal con 34 punti, 9 assist e 8 rimbalzi, per i Suns, Devin Booker insacca 33 punti e 3 rimbalzi.

I Memphis Grizzlies passano in casa dei Cleveland Cavaliers per 101-91: primo tempo a favore dei Cavaliers, il secondo lentamente, ma inesorabilmente, presenta i Grizzlies in ascesa, chiudendo le conclusioni avversarie e risalendo la classifica verso il centro della Western Conference. Per Memphis, Dillon Brooks circoscrive 21 punti, 7 rimbalzi e 3 assist, nei Cavs, Andre Drummond unisce 19 punti, 14 rimbalzi e 3 assist.

I Portland Trail Blazers fermano di misura i Toronto Raptors per 112-111: un finale spumeggiante distingue questa gara, nel quale, nei capovolgimenti di fronte, trova McCollum che trova i due punti decisivi per il sorpasso e Pascal Siakam sbagliare per ben due volte il canestro della vittoria, dopo quello errato della sera precedente. Nei Blazers, CJ McCollum assegna 30 punti, 6 rimbalzi e 5 assist, nei Raptors, Pascal Siakam va in tripla doppia con 22 punti, 13 rimbalzi e 10 assist.

Anche questa sera una gara stoppata dal Covid-19: Dallas Mavericks – New Orleans Pelicans non verrà giocata, così come, nella prossima nottata, accadrà per l’incontro Chicago Bulls – Boston Celtics, in seguito verrà probabilmente modificato il protocollo NBA per decidere che gare fermare e quali no.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Milwaukee inizia a riavvicinarsi alla vetta della Eastern Conference e la vittoria larga in casa dei Magic conferma il probabile inizio di un rilancio che è avvenuto anche nelle stagioni scorse, dopo le prime gare sempre altalenanti per i cervi del Wisconsin. Da favorita per l'anello ad Est, Milwaukee ha molto da perdere e dovrà arrivare quanto meno in finale NBA per non deludere, d'altronde il mega rinnovo contrattuale di Giannis Antetokounmpo mette la squadra nelle condizioni di essere sempre tra le squadre più attese al varco e sbagliare qualcosa diventerà man mano oggetto di critica per pubblico, tifosi ed esperti.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!