Iscriviti

NBA, 11 gennaio 2020: Lakers senza big e vincenti in casa Thunder, i Bucks conquistano Portland

Senza James e Davis, entrambi in panchina, i Los Angeles Lakers si impongono sul complicato parquet degli Oklahoma City Thunder. I Milwaukee Bucks conquistano il campo dei Portland Trail Blazers.

Basket
Pubblicato il 13 gennaio 2020, alle ore 10:18

Mi piace
8
0
NBA, 11 gennaio 2020: Lakers senza big e vincenti in casa Thunder, i Bucks conquistano Portland

Nella notte della NBA di sabato 11 gennaio 2020 si sono giocati sette incontri.
I Los Angeles Lakers zittiscono fuori casa gli Oklahoma City Thunder per 125-110: senza James e Davis, in panchina, i Lakers giocano bene come e più del solito, Kyle Kuzma prende in mano compagni e squadra, sfodera 36 punti e 7 rimbalzi e porta i suoi a conquistare 32 punti di vantaggio già a cavallo tra le due frazioni di gioco. Nei Thunder Shai Gilgeous-Alexander incatena 24 punti e 8 rimbalzi.

I Milwaukee Bucks conquistano il parquet dei Portland Trail Blazers per 122-101 chiudendo il “girone d’andata” (le prime 41 partite su 82 stagionali) con un impressionante ruolino da 35 vittorie e 6 sconfitte; il gioco è tra le mani dei Bucks dalla seconda frazione e si chiude con un quarto periodo esaltante, con Giannis Antetokounmpo capace di segnare 32 punti, 17 rimbalzi e 6 assist, nei Blazers Damian Lillard acchiappa 26 punti, 5 assist e 3 rimbalzi.

NBA: le altre partite

I Dallas Mavericks piantano in asso i Philadelphia 76ers per 109-91: a fare la partita è Philadelphia, i Mavs soffrono e tentano di reagire senza riuscirci per oltre un tempo, ma quando si scatenano i propri tiratori, i blu texani fanno la differenza ed incorniciano un altro successo stagionale. Per Dallas Luka Doncic combina 19 punti, 12 assist e 8 rimbalzi, continuità di nuovo rimandata per i Sixers con Tobias Harris autore di 20 punti e 10 rimbalzi.

I Boston Celtics demoliscono i New Orleans Pelicans per 140-105 in una partita praticamente senza storia, con un 41-24 a favore di Boston nel primo parziale che fa già paura e che si va ad incrementare nel resto della disputa. Per i celtici Jayson Tatum è stratosferico con 41 punti, 6 rimbalzi e 4 assist, per i pellicani ci sono i 20 punti del centro Jaxson Hayes.

I Cleveland Cavaliers sorprendono fuori casa i Denver Nuggets per 111-103: nonostante la differenza in classifica sono i Cavaliers a giocare meglio, sembrano crollare sotto il peso del pronostico favorevole a metà del quarto periodo, ma reagiscono brillantemente e trovano la seconda vittoria consecutiva; Collin Sexton circoscrive 25 punti e 3 rimbalzi per Cleveland, nei Nuggets, scavalcati al secondo posto dai Clippers, Jamal Murray somma 24 punti, 5 rimbalzi e 3 assist.

Gli Houston Rockets radono al suolo i Minnesota Timberwolves per 139-109: dopo il primo quarto di equilibrio in campo c’è solo Houston, James Harden passa i 20.000 punti in carriera, il settimo più giovane a superare questo ambizioso traguardo, ed a fine partita registra 32 punti, 12 rimbalzi e 8 assist, uomo a tutto campo. Nei Timberwolves Josh Okogie dalla panchina mette insieme 16 punti, 5 rimbalzi e 5 assist.

I Chicago Bulls vincono in casa dei Detroit Pistons per 108-99 ed ora le due squadre si ritrovano alla pari in graduatoria con 14 vittorie e 26 sconfitte a testa, un magro bilancio che permette però, in questa stagione particolare e tirata, di essere ancora in piena corsa per la postseason. Nei Bulls Zach LaVine trova 25 punti, 6 assist e 4 rimbalzi, per Detroit Christian Wood dalla panchina rifila 17 punti, 14 rimbalzi e 3 assist.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Non avendo più commenti da spendere per il dominio di Los Angeles Lakers e Milwaukee Bucks, concentriamoci sulla capacità dei Dallas Mavericks di giocare bene, talvolta perdendo ma nella maggior parte dei casi cogliendo successi dirompenti. come quello contro gli incerti Sixers. I Celtics viaggiano bene, a metà del cammino il secondo posto ad Est non è un tabù, i Nuggets, con un paio di sconfitte, scendono dalla seconda alla terza posizione ad Ovest. Houston avanza con Harden e l'Ovest vive di continui colpi di scena, come d'altronde l'Est, dove le altre grandi nella notte, tranne le prime due, non hanno però giocato in questa serata.

Lascia un tuo commento
Commenti
Raffaele Sanseverino
Raffaele Sanseverino

13 gennaio 2020 - 10:30:35

Come on Lakers :)

0
Rispondi