Iscriviti

NBA, 10 febbraio 2019: i Warriors passano nel finale thrilling contro gli Heat. Tutti gli incontri

Vittoria rocambolesca all'ultimo minuto per i Golden State Warriors, che rimontano in meno di un minuto una situazione complicata contro i Miami Heat. I Philadelphia 76ers schiacciano i Los Angeles Lakers.

Basket
Pubblicato il 11 febbraio 2019, alle ore 23:23

Mi piace
7
0
NBA, 10 febbraio 2019: i Warriors passano nel finale thrilling contro gli Heat. Tutti gli incontri

Nella notte della NBA di domenica 10 febbraio 2019 si sono disputate cinque partite.
I Golden State Warriors superano i Miami Heat per 120-118: è l’ultimo minuto a concentrare le emozioni più forti; con due palle rubate e portate a canestro, Miami va in vantaggio di tre punti. Manca meno di un minuto, Golden State segna prima una tripla per pareggiare e successivamente due tiri liberi; gli Heat, a tre secondi dalla fine, non centrano la tripla della vittoria. I Warriors vincono la quarta partita di fila e Kevin Durant spopola con 39 punti, 6 rimbalzi e 4 assist. Per Miami Josh Richardson interpreta al massimo la gara con 37 punti e 5 assist.

I Philadelphia 76ers schiacciano i Los Angeles Lakers per 143-120: Los Angeles è viva nel primo tempo, nella ripresa, prima con calma e successivamente con un impatto devastante, i bianco-blu-rossi infilano un parziale che mette i giallo-viola al muro, vincendo in maniera netta ed incontrovertibile. Philadelphia guadagna terreno sui Pacers per il terzo posto ad Est, con i 37 punti, 14 rimbalzi e 3 assist di Joel Embiid. I Lakers navigano in acque tempestose, solo Kyle Kuzma brilla, con una grande partita da 39 punti e 3 rimbalzi.

NBA: le altre gare della notte

I Dallas Mavericks sconfiggono sul filo di lana i Portland Trail Blazers per 102-101: nella vittoria in rimonta dei Mavs c’è lo zampino dei nuovi acquisti provenienti da New York, ma soprattutto, e come al solito, quello di Luka Doncic, che ottiene un totale di 28 punti, 9 rimbalzi e 6 assist e che avvicina i blu del Texas proprio ai Lakers di James. Portland perde una partita che stava gestendo perfettamente.

I Sacramento Kings sorpassano i Phoenix Suns per 117-104 con una condotta da vera squadra brillante dal primo all’ultimo minuto, con i re della California che distaccano i Lakers e si avvicinano, ad una sola vittoria di ritardo, dagli altri losangelini, i Clippers, per la lotta playoff. Marvin Bagley III segna dalla panchina 32 punti e 7 rimbalzi. Phoenix cade per la quattordicesima vola di fila.

Gli Orlando Magic vincono sul parquet degli Atlanta Hawks per 124-108: la bella prestazione del gruppo della Florida permette loro di acquisire un distacco molto rilevante nel secondo tempo della sfida ed assicurarsi la vittoria, la terza consecutiva, che li avvicina sempre più ai margini della zona verde. Atlanta ormai vede molto lontano l’obiettivo del raggiungimento della postseason, a causa della terza sconfitta in serie.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - A parole i Lakers dovrebbero essere la squadra che più di tutte doveva compiere il salto in avanti rispetto all'anno scorso, invece, tra quanto ottenuto fino ad ora al 10 febbraio di questo 2019 e del 2018, ci sono solo poche vittorie di scarto in più, troppo poco visto l'ingresso di James tra le fila giallo-viola e quelle di altri ottimi talenti. Anche l'esplosione di Kyle Kuzma e la conferma di Brandon Ingram non hanno dato qualcosa in più ai lacustri, poco squadra e senza una guida tecnica credibile. A farne le spese, presto, potrebbe essere coach Walton che, come affermo da tempo, ha troppa poca esperienza e manca anche di un'adeguata preparazione per poter gestire al meglio un gruppo dalla caratura pesante come quello dei Lakers. Presto, quasi con certezza, assisteremo ad un cambiamento sulla panchina giallo-viola.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!