Iscriviti

Berlina Mercedes EQE o fuoristrada Concept EQG: Mercedes punta forte sull’elettrico

Alla fiera IAA 2021 di Monaco, il brand teutonico che ha appena deciso d'affiancare Russell ad Hamilton per la prossima stagione in F1, è arrivata a esibire molte auto elettriche, tra cui anche la berlina Mercedes EQE e il prototipale fuoristrada Concept EQG.

Auto
Pubblicato il 7 settembre 2021, alle ore 13:25

Mi piace
2
0
Berlina Mercedes EQE o fuoristrada Concept EQG: Mercedes punta forte sull’elettrico

Oltre alla berlina green di livello top, rappresentata dalla EQS, il marchio tedesco Mercedes ha portato a Monaco, in occasione dell’IAA 2021, anche altre auto elettriche, segno tangibile e chiaro del suo impegno verso l’elettrificazione che, nel caso specifico, potrà contare pure sulla EQE, prodotta a Brema (con esordio su strada dalla metà del 2022) e destinata a comprendere tra le sue varianti anche un SUV, e la sperimentale Concept EQG.

Con misure (4.946 x 1.961 x 1.512 mm, con interasse di 3.120 mm) atte a garantire una notevole spaziosità all’interno, complice anche la piattaforma elettrica EVA, la Mercedes EQE vanta un volume di 430 litri per il bagagliaio accessibile mediante il cofano, stante la presenza di un lunotto fisso. Le ruote, che non sporgono rispetto alla carrozzeria, sono da 19 o 21 pollici: secondo le preferenze dell’utente, che può chiedere anche un retrotreno sterzante, è possibile implementare le AIRMATIC, delle sospensioni pneumatiche addizionate con l’ammortizzazione ADS+ gestita dinamicamente. 

L’interno, a vantaggio della cui salubrità è possibile richiedere (Energizing Air Control Plus) anche un filtro HEPA che purifichi l’aria in ingresso dai bocchettoni, di base dispone del consueto sistema multimediale MBUX ma, volendo, è possibile ottenere sotto un unico cristallo i vari display nell’ambito del nuovo MBUX Hyperscreen. Le tecnologie internamente sviluppate di assistenza alla guida, ADAS, sono state ora arricchite dal sistema ATTENTION ASSIST che, analizzando dal display dedicato al conducente – via telecamera – il movimento delle sue palpebre, rileva eventuali colpi di sonno. 

Sul piano propulsivo, è di servizio, nella Mercedes EQE, un motore elettrico da 292 CV (cioè da 215 kW) di tipo sincrono, capace di garantire una coppia motrice pari a 530 Newton metri: l’autonomia stimata secondo il ciclo WLTP, pari a 545/660 km, si ripristina tramite la carica a corrente continua (170 kW) in meno tempo (si passa dal 10 all’80%in circa mezzora), con possibilità di affidarsi anche alla più “tranquilla” carica a corrente alternata che procede – secondo il caricatore – a 11 o 22 11 kW. 

Tipico fuoristrada, non foss’altro perché non si è rinunciato al telaio in longheroni e traverse che Mercedes adotta sui veicoli per l’offroad, il Concept EQG che, nella versione finale avrà un look notevolmente modificato, oltre ai fari, presenta illuminazioni esterne a tutto campo con, al posto della calandra, un frontale Black Panel attorniato da una striscia luminosa, stigmatizzato dall’effetto 3D di una stella illuminata. Anche sugli specchietti laterali si trovano luci, in forma di cerchietti luminosi che non abbandonano neanche il retro, ove uno di questo ultimi appare sul portapacchi piatto (utile ad es. per ospitare il cavo di ricarica) posto in vece del tradizionale copriruota di scorta. Lateralmente brillano, questa volta di “luce propria” in quanto realizzati in alluminio lucidato, i cerchioni da 22 pollici. Ancora nebuloso per larghi tratti della sua scheda tecnica, il fuoristrada Mercedes Concept EQG disporre, mediante un selettore a due velocità, delle marce ridotte per ottenere stabilità negli off-road a bassa velocità (es. nelle salite ripide) e sarà mosso, con ovvia propulsione integrale, da 4 motori elettrici posizionati ciascuno sulla ruota di riferimento. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Personalmente, a livello estetico, apprezzo di più la berlina, fosse perché ha il design definitivo mentre il fuoristrada, che pure rispetta i canoni della categoria, è un po' troppo curioso: certo, non sarà il bitorzoluto modello di Tesla, ma tutti questi sistemi di luci esterne me le spiego ben poco. A meno che non ci si muova costantemente nella nebbiosa Brughiera scozzese, magari nel corso d'una gita nelle Highlands.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!