Iscriviti

Aspark Owl: arriva nei concessionari la hypercar elettrica giapponese

Fabbricata in Italia, arriva in commercio la hypercar elettrica Owl della giapponese Aspark, candidata a diversi primati, tra cui l'accelerazione da ferma a 100 km/h in 1.69 secondi e il prezzo, di pressappoco 3,56 milioni di dollari a unità (50 esemplari).

Auto
Pubblicato il 4 gennaio 2021, alle ore 09:26

Mi piace
6
0
Aspark Owl: arriva nei concessionari la hypercar elettrica giapponese

Intravvista al Salone di Francoforte di 3 anni fa in forma di concept, poi esibita ulteriormente al Dubai Motor Show del 2019, la hypercar elettrica Aspark Owl è finalmente pronta per essere venduta, con i primi accordi già stilati con concessionarie del Nord America (Miami, Florida) e dell’Europa (Francia), cui ne seguiranno prossimamente altri.

Aspark Owl (circa 3,56 milioni di dollari a unità), che può essere considerata la hypercar a uso stradale più bassa in ragione di un’altezza di appena 38,9 pollici, ha una monoscocca e un corpo in fibra di carbonio con aerodinamica attiva: minimale rispetto ad altre hypercar caratterizzate da vistose prese d’aria e/o alettoni, esibisce un design minimale ma non privo di personalità, grazie al profilo, portiere ad ali di gabbiano comprese, che ricorda appunto quello di un gufo (owl).

Sotto il cofano monta 4 motori elettrici notevolmente potenti, da 2.012 cavalli vapore (1.480 kW), con la più alta capacità di rotazione al mondo (15.000 rpm), che mettono su strada una coppia motrice pari a 2.000 Newton metri: in termini di prestazioni il tutto si traduce in uno scatto da ferma a 100 km/h in 1.69 secondi, secondo il test condotto a Misano, per giunta con normali pneumatici stradali Michelin Pilot Sport Cup 2. 

In termini di autonomia, la batteria montata a bordo, da 64 kWh, con una sola carica, assicura 450 km di percorrenza secondo l’ideale (ma superato) ciclo NEDC: confermando i propositi dello scorso triennio, la nipponica Aspark, già provvista di un primo show room ufficiale nei pressi della sua sede ufficiale (Osaka), ha previsto di vendere soli 50 esemplari della sua hypercar Owl, destinandone 10 al Nord America, 20 all’Asia, e 20 all’Europa.

Proprio in Europa, tuttavia, verranno assemblati tutti gli esemplari della Aspark Owl, alla cui realizzazione baderà l’italianissima Manifattura Automobili Torino, fondata dall’ex responsabile dei progetti speciali di Pininfarina, Paolo Garella, specializzata in hypercar in edizione limitata (tra cui la nuova Stratos GbR, e la Scuderia Cameron Glickenhaus SCG 003).

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Non sempre uno splendido concept si traduce in realtà: dopo tanti anni di sviluppo, iniziavo a chiedermi dove mai fosse "volato" il gufo di Aspark. Fortunatamente, per chi potrà permettersela, quest'auto è prossima ad arrivare nelle concessionarie autorizzate, mettendo a segno una serie di primati non da poco e, anzi, migliorando persino rispetto ai primi test condotti con pneumatici da corsa.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!