Iscriviti

All’autosalone di Ginevra 2019, arriva (come concept car) l’utilitaria elettrica Fiat Centoventi

Nell'anteprima dell'autosalone di Ginevra 2019, anche FCA ha allestito il suo palco e, tra i tanti annunci fatti, non è mancata l'esposizione di una concept car elettrica, l'utilitaria Fiat Centoventi, celebrativa della storia centenaria del brand italiano.

Auto
Pubblicato il 6 marzo 2019, alle ore 13:03

Mi piace
5
0
All’autosalone di Ginevra 2019, arriva (come concept car) l’utilitaria elettrica Fiat Centoventi

Poco prima di morire, l’AD di FCA, il manager italo-canadese Sergio Marchionne, ebbe a dire che accelerare la rivoluzione elettrica dell’auto avrebbe potuto danneggiare l’ambiente, se non si fosse trovato per tempo il modo di ottenere l’energia elettrica necessaria in modo del tutto ecologico. Al Salone dell’auto di Ginevra, edizione 2019, il pensiero testé espresso prende forma nei progetti anche del suo successore, Michael Manley (che ha ritirato il premio World Car Person of the Year destinato proprio al suo predecessore).

I prossimi veicoli di Fiat Chrysler Automobiles saranno per lo più ibridi (senza escludere il 100% elettrico) e comprenderanno, con tale tipologia di propulsione, anche una Ferrari. Intanto, però, in Svizzera è arrivato una concept car, la Centoventi (3.680 x 1.527 x 1.740 mm, con interasse da 2.430 mm), celebrativa della più che centenaria storia del marchio torinese, fondato a Torino nel lontanissimo 11 luglio del 1899.

Entrando nel merito, la Fiat Centoventi è un’utilitaria elettrica, destinata a far da base alle future Panda, creata all’insegna della personalizzazione, e della modularità: nel primo caso, è possibile crearsi un veicolo su misura, scegliendo tra svariati paraurti, tettucci, pellicole per il car wrapping, o copriruote mentre, nel secondo ambito, onde concepire un veicolo che muti col passare del tempo e delle esigenze, anche in fase di post-vendita, si è intervenuti su vari piani.

Innanzitutto, la batteria non è singola, ma è suddivisa in “pacchi” da 100 km ciascuno: un quinto può essere montato tra i sedili davanti e quelli dietro, ma è soprattutto il pianale a garantire un’autonomia scalabile, visto che viene fornito con 2 power bank già installati, cui il concessionario può aggiungerne altri, sino a 4. 

Gli interni implementano l’ottica modulare secondo un sistema simile a quello che, tramite i magneti, impreziosisce le porte minimali e pulite dei frigo: sia sulla plancia che sui pannelli porta sono presenti dei piccoli fori, che fanno da ancora per i componenti aggiuntivi che si vuol installare. Tutti i sedili, realizzati in materiali eco-sostenibili, possono essere customizzati grazie ai poggiatesta e ai cuscinetti sostituibili e, laddove la panca posteriore ha il classico schienale reclinabile per aumentare la capacità di carico, sul davanti è possibile rimuovere al volo il sedile del passeggero, onde installarvi il seggiolino per il pargolo, o un porta oggetti supplementare. 

Nonostante sia garantita la compatibilità con gli smartphone iOS/Android, l’innovazione tecnologica della Fiat Centoventi non si ferma certo qui: il veicolo dovrebbe avere un tetto fotovoltaico capace di generare i 50 watt necessari sia al sistema di ventilazione interna, da usare quando in sosta o fermi, sia il singolare portellone posteriore con display interattivo, al quale saranno affidati i compiti (a veicolo fermo) di mostrare messaggi social, destinati agli altri, o immagini pubblicitarie, magari con cui remunerarsi il parcheggio nelle aree di sosta a pagamento. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Questa sì che è stata una sorpresa: mi ero arreso al pensiero che FCA non avrebbe modernizzato le auto della vecchia Fiat ma, a quanto pare, con l'innovazione che galoppa, non si è potuto restare indietro. Quella citata in sede di articolo è una concept car che difficilmente vedrà la strada ma, ciò nonostante, è comunque significativa dei grandi progressi fatti dal gruppo automobilistico italo-americano in fatto di evoluzione dell'automotive.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!