Iscriviti

Sorelle d’Italia, Simona Quadarella: "In un tema delle elementari il desiderio di vincere"

La ventenne romana racconta com'è nata la sua passione per il nuoto: il padre amante del mare e la sorella Erica ex nuotatrice di buon livello. L'obiettivo di Simona, ora, è superarsi.

Altri sport
Pubblicato il 23 aprile 2019, alle ore 11:27

Mi piace
10
0
Sorelle d’Italia, Simona Quadarella: "In un tema delle elementari il desiderio di vincere"

Non ho nessuna sportiva di riferimento ora: forse sono proprio io che ogni volta cerco di superarmi“, lo ha detto Simona Quadarella in un’intervista a Repubblica che settimana dopo settimana sta mettendo insieme i volti e le storie delle “sorelle d’Italia“, le atlete azzurre che stanno facendo sognare gli appassionati di sport femminile con le loro medaglie e i trofei vinti negli ultimi tempi.

Simona Quadarella è nata a Roma il 18 dicembre 1998, grazie al padre che amava il mare è stata iscritta ai Corsi di Ambientamento per neonati cominciando così a stare in acqua fin da piccola. A sei anni era già iscritta al settore preagonistico e due anni dopo è nell’elenco Settore Agonistico della Società Polisportiva Delta Roma. Ora è una nuotatrice specializzata nello stile libero.

La storia di Simona

Nel video di Repubblica, Simona Quadarella racconta che il padre voleva essere sicuro che sapesse nuotare, perchè portava la famiglia al largo in gommone o in barca. L’agonismo è cominciato quasi per gioco, voleva superare la sorella Erica, ex nuotatrice che in un’intervista di gennaio alla Gazzetta dello Sport parlando della sorella afferma: “Capricci e sale, così Simona mi ha superata“. Simona parlando della sorella dice: “c’è sempre stato un ottimo rapporto, una sana competizione“.

Il ricordo di Simona va ad un tema di terza o quarta elementare in cui descriveva il desiderio di diventare brava come la sorella Erica nel nuoto e forse anche di più. Nel video si vede che negli occhi di Simona brilla la luce di chi ancora ricorda, e lo afferma, lo scorrere del pensiero sul foglio di carta e il disegno che l’accompagnava: “Io che nuotavo“.

Simona nel 2017, nei 1500 metri stile libero ai Mondiali di Budapest ha conquistato una medaglia di bronzo e nell’anno seguente, agli Europei di Glasgow ha portato a casa tre medaglie d’oro nei 400, 800 e 1500 metri stile libero.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - A volte la "vocazione", ossia la chiamata a far "qualcosa" nella vita che ci realizza come persona e ci dà soddisfazione, si chiarisce proprio così, in seno alla famiglia. Il percorso per Simona è iniziato da molto lontano, forse con piccole fatiche aggiunte giorno dopo giorno, speriamo possa continuare con grinta e ancora per un lungo tempo far sognare gli italiani.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!