Iscriviti

Novak Djokovic non si vaccinerà contro il Covid e rinuncerà anche agli altri tornei

Il tennista serbo ha spiegato alla Bbc di essere pronto anche a rinunciare a Wimbledon e agli Open di Francia se dovesse essere costretto a vaccinarsi. Il numero uno del tennis mondiale ha affermato anche di non essere no-vax.

Altri sport
Pubblicato il 15 febbraio 2022, alle ore 11:18

Mi piace
2
0
Novak Djokovic non si vaccinerà contro il Covid e rinuncerà anche agli altri tornei

Ascolta questo articolo

Continua a far parlare di sè Novak Djokovic, il tennista serbo e numero uno al mondo cacciato dall’Australia nelle scorse settimane perchè non vaccinato contro il Covid-19. Come si ricorderà Djokovic si presentò all’aeroporto di Melbourne in quanto doveva partecipare agli Open e presentò una esenzione dalla vaccinazione anti coronavirus, in quanto pare che a dicembre scorso lui sia risultato positivo al Sars-CoV-2. Nonostante la sua positività il tennista andò anche a fare una intervista in Spagna, circostanza per cui lo stesso Djokovic si è scusato.

Le autorità australiane hanno respinto per ben due volte il visto dello sportivo, che poi è stato costretto a tornare a casa e quindi a vedere soltanto in tv l’importante manifestazione sportiva. In queste ore Djokovic è stato intervistato dalla più importante emittente britannica, la BBC, a cui ha spiegato di non volersi assolutamente vaccinare contro il Covid-19. 

Djokovic: “Libertà di scelta”

Il tennista ha spiegato di non essere contrario a nessuna vaccinazione, per cui ha precisato subito di non essere no-vax, come viene definito. Semplicemente Djokovic ritiene che ogni individuo sia libero di scegliere che cosa introdurre nel proprio corpo, chiarendo senza nessuna remora di essere pronto a rinunciare anche agli altri tornei, ovvero Wimbledon e gli Open di Francia, se necessario. 

Ai giornalisti britannici Djokovic ha risposto che non partecipare alle prossime manifestazioni “è il prezzo che sono disposto a pagare”. Lo sportivo quindi si dice convinto delle proprie posizioni. Nei momenti successivi alla vittoria del Grande Slam australiano da parte di Rafael Nadal si era diffusa la notizia che Djokovic fosse pronto anche a vaccinarsi pur di partecipare agli altri tornei, ma non era così e lo ha spiegato quindi lui stesso alla BBC.

In questo periodo il tennista serbo non solo continua a essere l’idolo di milioni di sportivi in tutto il mondo, ma anche una icona del mondo no-vax, proprio per la convizione con cui porta avanti le proprie idee. “Non sono mai stato contrario alle vaccinazioni ma ho sempre sostenuto la libertà di scegliere cosa mettere nel proprio corpo” – questo il pensiero del tennista serbo, che ha informato come da piccolo abbia effettuato tutte le vaccinazioni previste.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Federico Sanapo

Federico Sanapo - Quelle di Djokovic sono convinzioni difficili sicuramente a smuovere. Il tennista si è convinto a non vaccinarsi contro il Covid per motivi che sono assolutamente personali e comunque legittimi, visto che non c'è un obbligo strictu senso per la fascia di età di Djokovic, vaccinazione che però è obbligatoria per poter partecipare ai tornei internazionali a cui lui prende parte.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!