Iscriviti

L’evento di Parkour sponsorizzato da Redbull fa tappa a Matera

Dopo il 2017 a Santorini, l'evento di Parkour sponsorizzato da Redbull torna e sceglie Matera per le acrobazie dei giovanissimi appassionati di questo sport

Altri sport
Pubblicato il 7 ottobre 2019, alle ore 10:48

Mi piace
8
0
L’evento di Parkour sponsorizzato da Redbull fa tappa a Matera

La battuta è facile ma la famosa bevanda che mette le ali, alle migliaia di freerunners arrivati da tutto il mondo a Matera per sfidarsi nel più grosso evento di parkur, le ali gliele mette davvero.

La disciplina del parkour, inizialmente utilizzata per l’addestramento militare, è a tutti gli effetti ormai una disciplina sportiva tanto che il presidente giapponese della Federazione internazionale di ginnastica spinge per avere il parkour come disciplina dimostrativa a Tokio 2020, anno in cui è previsto il primo Campionato del mondo.

Il primo evento risale al 2007 a Vienna, alla volta poi di un tour mondiale che è passato da Brasile, Svezia, Stati Uniti, Svizzera, Inghilterra e persino Giappone prima di stabilirsi sull’isola greca di Santorini per sei edizioni.

Quest’anno, dopo un anno di stop, l’ edizione numero 11 arriva a Matera, un luogo nuovo ed eccitante.

Arrivati da tutto il mondo per provare a qualificarsi alla competizione sui tetti di Matera, i più bravi e /o fortunati, hanno dato prova della loro abilità oggi davanti ad un pubblico numerosissimo ed intusiasta.

Dodici uomini e sei donne hanno gareggiato per l’ambito titolo sui tetti della città, teatro perfetto per questa competizione pressocchè unica.

Tra i partecipanti c’era il vincitore della Red Bull Art of Motion 2017 tenutasi in Grecia, a Santorini, l’ ucraino Alexander Titarenko, il campione di Air Wipp Challenge Krystian Kowalewski e il detentore del titolo NAPC Ed Scott. 

Gli atleti sono stati a Matera diversi giorni nei quali non si sono risparmiati tra prove ufficiali e ufficiose regalando, a tutte le ore, uno spettacolo incredibile, molto apprezzato dai più giovani che oggi, affollavano i vicoli dei Sassi con entusiasmo pronti a sostenere i loro beniamini.

La sfida è stata sofferta fino all’ ultimo ma poi ha visto il trionfo di Didi Alaoui dal Marcco, seguito dall’inglese Ed Scott e, terzo classificato, il greco Dimitris

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Maria Guerricchio

Maria Guerricchio - La città di Matera ormai si presta ai più svariati eventi. Di sicuro effetto l'evento di parkour sponsorizzato dalla bevande che mette le ali. Mai avrei immaginato un richiamo così esagerato. Lavoro in un B&b e se avessi avuto il triplo delle camere nemmeno sarebbero bastate per quanti ragazzi hanno chiamato per venire in città in occasione di questo evento.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!