Iscriviti

Cristopher Mansilla muore di Covid a 30 anni, il suo ultimo post: "Chissà se mi risveglierò"

Cristopher Mansilla ha perso la sua battaglia contro il Covid a causa di una trombosi polmonare.Davvero toccante il suo ultimo messaggio Facebook prima del coma indotto.

Altri sport
Pubblicato il 12 maggio 2021, alle ore 18:47

Mi piace
2
0
Cristopher Mansilla muore di Covid a 30 anni, il suo ultimo post: "Chissà se mi risveglierò"

Una tragica notizia, quella che arriva dal Cile e che riguarda la morte di Cristopher Mansilla, ciclista professionista 30enne, che il 24 maggio avrebbe compiuto 31 anni. Nel pieno della forze, è stato stroncato da una trombosi polmonare conseguente al Covid. Toccante il suo ultimo messaggio Facebook, datato 7 maggio…un messaggio in spagnolo che mette i brividi.

Dopo aver annunciato che i medici gli avrebbero indotto il coma a causa del problema ai polmoni che lo affliggeva, Mansilla scrive: “Vediamo se questo corpo non è arrugginito e può svegliarsi ancora una volta. Posso solo ringraziare la mia famiglia, il mio fratellino, mamma e papà per tutto, e gli amici per il loro sostegno. Con questo vi saluto fino alla fine di questa tappa decisiva. Saluti e benedizioni a tutti”.

Un post toccante in cui traspare la sua volta di restare aggrappato alla vita e la sua paura di perdere la battaglia contro il virus. Purtroppo Mansilla non si è più risvegliato ed è deceduto nella notte tra lunedì e martedì.Una vita troppo giovane stroncata dal Covid-19, il temibile virus che in questo anno e mezzo ha messo in ginocchio l’intero pianeta.

I messaggi di cordoglio

La morte del giovane ciclista ha colpito profondamente il Cile. Il Ministro dello Sport cileno, Cecilia Perèz, ha espresso il suo profondo di spiacere per la prematura scomparsa dell’amato Mansilla, morto a soli 30 anni e pluripremiato panamericano, mentre il Comitato Olimpico Cileno, sul suo account social ha voluto scrivere: “Riposa in pace”, definendolo un eccezionale cilista. Un cugino dell’atleta, invece, sottolineando la battaglia contro il Coronavirus, dice: “La lotta di mio cugino Cristopher contro questa dannata creatura è finita“. 

Mansilla aveva partecipato ai Mondiali su pista nel 2012, ma nei Giochi Panamericani su pista aveva raccolto i suoi risultati più importanti: due ori nell’Americana (2011 e 2012), un argento nello Scratch (2011) e uno nell’Omnium (2014), oltre a 2 bronzi nello Scratch (2014 e 2015), un oro nel 2008 e un bronzo nel 2009 nella specialità sprint a squadre. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - Una morte improvvisa, quella di Cristopher Mansilla, un ciclista giovane e talentuoso che, di sicuro, avrebbe vinto tantissimi altri premi. Purtroppo un destino crudele, un maledetto virus, l'ha strappato prematuramente all'affetto dei suoi cari. Le mie più sentite condoglianze ai genitori dell'atleta. Sono certa che dal Paradiso veglierà su di loro.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!