Iscriviti

Dieci anni da Juve: il 19 maggio 2007 festeggiava il ritorno in Serie A

La Juventus si gode il primo trofeo della stagione vinto contro la Lazio mercoledì, ma oggi bisogna ricordare due date importanti che hanno spianato la strada verso i grandi successi di questi anni.

Calcio
Pubblicato il 19 maggio 2017, alle ore 23:01

Mi piace
7
0
Dieci anni da Juve: il 19 maggio 2007 festeggiava il ritorno in Serie A
Pubblicità

Dopo Calciopoli, nell’estate del 2006 la Juventus retrocesse in Serie B. L’anno successivo,però, la squadra risaliva nella massima serie: infatti, il 19 maggio 2007 i bianconeri raggiungevano la promozione in Serie A con 3 giornate d’anticipo. Quella conquista della Serie A rappresentò una scalata verso nuovi grandi trionfi.

Ma il giorno 19 maggio, nella storia della Juve, è importante anche perchè Andrea Agnelli – 3 anni più tardi, nel 2010 – diventa il nuovo Presidente della società.

Ma riavvolgendo il nastro ritorniamo al 2007: dopo Calciopoli la Juve sprofonda in B e, dopo il danno di immagine e di soldi, la squadra perse grandi calciatori, come Ibrahimovic, Thuram e Cannavaro; rimangono i calciatori “attaccati alla maglia” come Marchisio, Del Piero, Buffon, Trezequet e Camoranesi.

La squadra era guidata da Didier Deschamps (ex centrocampista degli anni ’90) che, nonostante i 9 punti di penalizzazione, la porta in cima la classifica ed alla promozione con 3 turni d’anticipo.

Dopo il ritorno in Serie A solo modesti piazzamenti in classifica. La svolta si ha quando arriva Andrea Agnelli alla presidenza, il quale, facendo un investimento notevole sullo stadio di proprietà e avvalendosi di bravi collaboratori come Marotta, Paratici e Nedved, riesce a riportare la società all’antico splendore. 

I primi due anni comunque sono difficili, la squadra si piazza settima due volte in campionato facendo purtroppo anche investimenti su calciatori sbagliati.

La persona che riuscirà a fare la differenza sarà Antonio Conte alla guida tecnica della squadra nel 2011, portando finalmente i bianconeri a dominare in Italia per tre anni. Poi arriva Max Allegri; la squadra continua a vincere ma, rispetto al suo predecessore, l’allenatore riesce a dare anche un’impronta europea conquistando due finali di Champions League in tre anni.

In 10 anni la Juventus in Italia si è ripresa il primato di grande società, non solo perché vince ma anche perché sta riuscendo a fare grandi acquisti.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore

Ivan Laurentino - Il vero valore aggiunto è stato il presidente, tifoso e capace. Si è circondato di gente capace come Marotta e Paratici e di gente "di campo" come Nedved, aggiungendo poi lo "Juventus Stadium" che ha portato grandi introiti. L'unica pecca è il mancato inserimento di Alessandro Del Piero tra i dirigenti, ma chissà in futuro...

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!