Iscriviti

Michael Schumacher si sta lentamente svegliando dal coma

A rivelare che le condizioni del pilota sono in lento miglioramento è il figlio adolescente di Michael, Mick Schumacher, che ha parlato con il cronista di Formula 1 Jean-Louis Moncet. Schumacher ha avuto un grave incidente sciistico a Dicembre del 2013

Altri sport
Pubblicato il 13 ottobre 2014, alle ore 08:17

Mi piace
0
0
Michael Schumacher si sta lentamente svegliando dal coma
Pubblicità

Il leggendario pilota di Formula 1 Michael Schumacher si sta “svegliando molto lentamente” dal coma dopo l’incidente sciistico che lo ha lasciato con gravissime lesioni cerebrali. La notizia della sua lenta ripresa è stata rivelata dal figlio quindicenne del pilota, Mick Schumacher, pilota di kart da corsa.

Il quarantacinquenne è attualmente in cura nella sua casa in Svizzera dopo aver trascorso sei mesi in un coma farmacologico indotto dopo l’incidente a Meribel, in Francia, avvenuto nel dicembre dello scorso anno. Il cronista francese di Formula 1 Jean-Louis Moncet ha detto alla radio Europe 1: “Ho visto suo figlio e mi ha detto che Schumi si sta svegliando molto lentamente. Anche se le cose stanno andando ad un ritmo lento, lui ha un sacco di tempo, direi che ha tutta la vita davanti a sé per tornare in forma.

Moncet ha anche dato ulteriori dettagli sul modo in cui Schumacher si è ferito quando ha colpito una roccia durante la caduta. “Il problema per Michael non è stato il colpo, ma è stato il supporto della telecamera Go-Pro che aveva sul casco a danneggiare il suo cervello ha detto l’uomo. Moncet ha confermato che Schumacher è in trattamento nella sua casa in Svizzera, dove è in cura in una suite medica appositamente costruita. Il sette volte campione mondiale è tornato nella sua casa con la moglie ed i figli dopo la dimissione da una clinica di riabilitazione a Losanna, in Svizzera.

Dopo l’incidente sciistico che lo ha lasciato con lesioni cerebrali catastrofiche, gli aggiornamenti sulle sue condizioni di salute sono stati pochi e lontani tra loro. Dopo essere stato spostato a casa, il manager di Schumacher, Sabine Kehm ha detto che c’era ancora una “lunga e difficile strada da percorrere”.

L’ex capo della Ferrari Jean Todt ha visitato Schumacher il mese scorso, dicendo: “La cosa importante è che sia vivo e che la sua famiglia sia con lui. Siamo davvero convinti che le cose miglioreranno. Ha bisogno di tempo e di essere lasciato solo. Nelle ultime settimane e mesi, ha fatto grandi progressi in relazione alla gravità del suo infortunio.”

Schumacher, attualmente ancora immobile ed incapace di parlare, è seguito da un team di 15 esperti e pare che le sue cure costino alla famiglia circa 130 mila euro al mese.

Video interessanti:
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!