Iscriviti

Un automobilista sorpassa le moto dal lato sbagliato. Poi capisce di aver commesso un grande errore

Quando si accorge di aver commesso un grande errore era già troppo tardi. Ecco cosa è successo a questo automobilista che ha sorpassato delle moto sul lato sbagliato.

Video Motori
Pubblicato il 11 maggio 2017, alle ore 12:37

Mi piace
0
0
Un automobilista sorpassa le moto dal lato sbagliato. Poi capisce di aver commesso un grande errore

Quando ci mettiamo in strada alla guida della nostra auto o della moto sappiamo bene che dobbiamo stare attenti anche a tutti quegli automobilisti indisciplinati che per vari motivi non ci pensano due volte prima di infrangere le regole del codice della strada.

Si tratta di un comportamento che mette in pericolo non solo la propria vita ma anche quella delle altre persone che circolano per strada, anche se a volte si tende a sottovalutare questo aspetto credendo che non possa succedere mai nulla.

Lo sanno bene anche i motociclisti protagonisti di questo video, noti come “Project 22 – Ride for Vets” che viaggiavano in gruppo e sotto scorta quando un automobilista impaziente ha deciso di sorpassarli per riprendere la sua marcia in piena velocità.

Fin qui non ci sarebbe nulla di male se non fosse che il sorpasso è avvenuto in modo errato, sul lato sbagliato della carreggiata, senza accorgersi peraltro che la polizia stava scortando quel gruppo di motociclisti.

Il video mostra quel momento in cui l’uomo alla guida dell’auto avrebbe preferito scomparire nel nulla pur di avere a che fare con la polizia e dover ammettere il suo stupido errore che poteva mettere in serio pericolo la sua vita e quella degli altri.

Altrettanto interessante sarà vedere quello che accade quando un suv travolge dei motociclisti scappando poi via. La reazione dei motociclisti non si è di certo fatta attendere.

Ancora una volta la dimostrazione di quanto basti semplicemente rispettare le regole in strada così come in ogni altro settore per poter vivere una vita serena e civile nel pieno rispetto di tutti gli altri cittadini della società in cui viviamo.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!