Iscriviti

Non riconosce il padrone dopo un lungo ricovero in ospedale. Ecco cosa succede fra i due poco dopo

Il suo padrone resta in ospedale per 5 lunghe settimane e quando lo rivede quasi non lo riconosce. Ecco, però, cosa succede fra i due qualche secondo dopo...davvero commovente.

Video incredibili
Pubblicato il 2 maggio 2017, alle ore 11:14

Mi piace
1
0
Non riconosce il padrone dopo un lungo ricovero in ospedale. Ecco cosa succede fra i due poco dopo

Willie è un cane davvero molto particolare con una triste storia alle spalle che non può che commuovere tutti. Il cane è stato infatti abbandonato quando era solo un cucciolo e Shane Godfrey quando se l’è ritrovato in giardino solo ed affamato ha subito deciso di tenerlo con sé.

Recentemente, però, Willie deve aver creduto di essere stato nuovamente abbandonato e di aver perso la persona con la quale aveva un rapporto unico e speciale tanto da essere letteralmente inseparabili.

L’uomo purtroppo è stato costretto a rimanere in ospedale per lungo tempo per curare quella che inizialmente sembrava essere solo una brutta influenza e che si è poi trasformata in una polmonite, degenerando in un’insufficienza renale e cenni di meningite.

I medici non avrebbero mai scommesso sulla vita di  Godfrey ed erano pronti a dover annunciare alla famiglia il peggio quando le sue condizioni lentamente, invece, iniziarono a migliorare fino a permettergli di ritornare a casa.

Durante la degenza in ospedale ha perso oltre 20 kg ed appariva piuttosto sciupato e provato in viso al punto da essere totalmente irriconoscibile anche per il suo cane che da lontano notava in lui qualcosa di familiare ma non sapeva se fidarsi.

Poco dopo, la sorella di Shane invita il cane ad avvicinarsi all’uomo e dopo averlo annusato l’ha subito riconosciuto e gli ha mostrato tutto il suo affetto in modo davvero commovente e festoso.

Altrettanto interessante sarà vedere la reazione di un cucciolo quando la sua padrona gli chiede se ha commesso lui un danno. Quello che fa l’animale mostra chiaramente la sua colpevolezza ma è segno di una grande sensibilità che porta la sua “mamma” subito a perdonarlo.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!