Iscriviti

Yamaha Tricity, tre ruote per muoversi in città

Lo Yamaha Tricity è il primo modello di scooter a tre ruote sviluppato dalla casa dei Tre Diapason: arriva in estate con i suoi 152 kg in ordine di marcia, un motore 125 cc e un prezzo sotto i 4.000 euro

Moto
Pubblicato il 25 marzo 2014, alle ore 23:22

Mi piace
0
0
Yamaha Tricity, tre ruote per muoversi in città

Il nuovo Yamaha Tricity è uno scooter a 3 ruote spinto da un motore da 125 cc a 4 tempi raffreddato a liquido, progettato per offrire accelerazioni pronte già ai regimi più bassi, e nello stesso tempo un’erogazione progressiva a regimi elevati, con il controllo dei consumi affidato all’iniezione elettronica Yamaha YMJET-FI. Il motore da 125 cc trasmette potenza alla ruota posteriore attraverso una trasmissione automatica CVT (con variatore), per accelerazioni facili e progressive.

Nuovo sistema “Leaning Multi Wheel”

L’esclusivo sistema LMW, Leaning Multi Wheel (multi ruota in grado di piegare) adotta un meccanismo brevettato che è stato progettato per garantire al pilota una sensazione di maggiore stabilità, e per offrire una grande facilità di guida anche a coloro che non si sono mai avvicinati al mondo delle due (e tre) ruote.

Posizionata dietro il frontale, una sospensione a parallelogramma concede al pilota la possibilità di guidare lo Yamaha Tricity come un tradizionale scooter a 2 ruote, ma con una sensazione di stabilità maggiore. I componenti del parallelogramma sono collegati alle forcelle ed al cannotto di sterzo, e quando il pilota dello Yamaha Tricity entra in curva il sistema permette alle due ruote anteriori di “piegarsi” in parallelo per assicurare una percorrenza di curva facile ed istintiva.

Le sospensioni su ognuna delle due ruote anteriori agiscono in modo indipendente, per garantire comfort e stabilità anche sulle strade sconnesse, o quando le condizioni del fondo sono variabili.

Design e sistema di frenata integrata Unified Brake System (UBS)

La carena dello Yamaha Tricity è leggera, resistente ed anche facile da pulire, un must nello smog cittadino. I cerchi in alluminio riducono i pesi non sospesi, per mantenere leggero lo sterzo e facilitare l’azione di assorbimento e la reattività delle sospensioni. Il robusto telaio tubolare mette a disposizione del pilota una pedana piatta e contribuisce al contenimento del peso, che è di 152 kg in ordine di marcia.

La doppia sella sagomata con superficie antiscivolo ha dimensioni generose, e la sua imbottitura assicura un viaggio nel comfort a pilota e passeggero.

Il nuovo Yamaha Tricity sarà disponibile in 4 diverse colorazioni: Anodized Red, Mistral Grey, Competition White e Midnight Black ed arriverà sul mercato nel corso dell’estate 2014 ad un prezzo inferiore ai 4.000 euro.

Lo Yamaha Tricity è dotato del sistema di frenata integrata UBS (Unified Brake System), progettato per migliorare l’efficacia della frenata e per renderla più progressiva. Il sistema prevede due freni a disco anteriori da 220 mm ed un freno a disco posteriore da 230 mm. Quando si frena solo con la leva di sinistra la forza viene ripartita su tutte e 3 le ruote, per una frenata bilanciata ed efficace, quando il pilota frena solo con la leva di destra invece agisce solo sui freni anteriori.

Strumentazione LCD e luci a LED

Appena il pilota accende lo Yamaha Tricity appare una sequenza di benvenuto, che lascia il posto ad una strumentazione che offre tutte le informazioni di cui si ha bisogno, come il tachimetro digitale al centro, affiancato da orologio, indicatore della temperatura atmosferica e contachilometri parziale. Il display è leggibile in ogni condizione e comprende anche una serie di spie luminose, per informare il pilota in modo rapido e chiaro.

Yamaha Tricity propone due luci di posizione anteriori e posteriori a LED, che promettono un’ottima visibilità.

Video interessanti:
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!