Iscriviti

Passione Cafè Racer: Honda Hornet 600 "Mazzabric"

Una stupenda realizzazione amatoriale da parte di un ragazzo con tanta passione per il mondo dei motori. Una Cafè Racer creata su una base Honda "anomala": una Hornet 600. Il risultato è una moto unica ed originale.

Moto
Pubblicato il 22 dicembre 2015, alle ore 10:53

Mi piace
2
0
Passione Cafè Racer: Honda Hornet 600 "Mazzabric"
Pubblicità

Si chiama “Mazzabric” ed è il nome che “Thomas Betti ha dato alla sua Cafè Racer, su base Honda Hornet 600. Hornet in italiano significa “calabrone” e “Mazzabric” è il nome in dialetto romagnolo che, letteralmente tradotto, significa appunto calabrone.

Il mondo dei motori ha visto negli ultimi tempi la nascita di queste moto personalizzate: si parte da un modello di moto degli anni 60/70 (non necessariamente) e si modificano telaio, serbatoio, sella ed accessori per realizzare una moto unica nel suo genere. Da questo concetto nascono le moto custom Cafè Racer.

Un anno di lavoro all’interno del garage di casa e l’aiuto del padre hanno permesso a Thomas Betti di realizzare questa originalissima Cafè Racer. I lavori realizzati non hanno stravolto l’anima della moto, ma una cura maniacale per i dettagli ha fatto sì che il risultato finale fosse degno delle migliori officine di elaborazioni meccaniche. Basta dare un’occhiata all’indicatore di benzina sul serbatoio, alla sella e alle pedaline per rendersi conto della qualità dei lavori realizzati.

Le modifiche, infatti, hanno interessato soltanto alcune parti della moto, lasciando intatta tutta la struttura originale, anche se ad un occhio inesperto potrebbe sembrare diversamente. Il telaio è quello originale e Thomas non ha fatto altro che lavorarci attorno per dare un aspetto vintage alla moto. Il risultato è una Cafè Racer che unisce la meccanica moderna ad un look retrò: alte prestazioni da parte di un motore Honda con i suoi circa 100 cavalli e un aspetto classico, decisamente vintage.

La grande passione che Thomas ha per il mondo dei motocicli, unita a ottime conoscenze di meccanica, hanno permesso a questo giovane, che vive nell’entroterra romagnolo, di realizzare una moto che unisce un grande impatto estetico ad alte prestazioni.

Un chiaro esempio di come la passione e tante ore di lavoro possono permettere a chiunque abbia le giuste conoscenze in ambito meccanico di creare la moto dei suoi sogni.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Nicola Piscaglia

Nicola Piscaglia - Una moto spettacolare, una di quelle che quando passa ti fa sempre girare la testa per ammirarla meglio. Un chiaro esempio di come anche un amatore possa realizzare la moto dei suoi sogni partendo da un altro modello. Le Cafè Racer stanno spopolando negli ultimi tempi e, personalmente, devo ammettere di essere stato contagiato da questa passione e di possedere anche io una moto custom. Penso che l'aspetto di una moto che risale agli anni 60/70 abbia tutto un altro fascino. Oggi però, è possibile "trasformare" una moto odierna, quindi dalle prestazioni più elevate rispetto alle loro antenate, in una dal look più vintage come le moto di una volta. Questo è un esempio di come una moto con non tanto carisma può essere trasformata in un'opera d'arte.

Lascia un tuo commento
Commenti
Evelin Felice
Evelin Felice

23 dicembre 2015 - 10:35:06

Io di moto e motori non me ne intendo, posso solo esprimere un parere estetico dicendo che è bella

0
Rispondi
Orazio Marco Scamporrino
Orazio Marco Scamporrino

22 dicembre 2015 - 18:29:45

Visto che la foto è mia e le informazioni provengono da un mio articolo e mi è stato chiesto nessun permesso chiedo che venga subito eliminato questo articolo . http://rocket-garage.blogspot.it/2015/12/honda-hornet-600-mazzabric.html

0
Rispondi
Orazio Marco Scamporrino
Nicola Piscaglia

22 dicembre 2015 - 18:36:36

Conosco personalmente Thomas e ho avuto il suo permesso per scrivere l'articolo e pubblicare le foto, che sono di sua proprietà! Non vedo il problema

0