Iscriviti

Salone dell’Auto di Parigi 2022: ecco le novità previste più interessanti

Inizia oggi il Salone dell'Auto di Parigi, ma sono già note quelle che saranno considerate le novità più interessanti della kermesse all'ombra della torre Eiffel.

Auto
Pubblicato il 18 ottobre 2022, alle ore 08:33

Mi piace
1
0
Salone dell’Auto di Parigi 2022: ecco le novità previste più interessanti

Dopo le interruzioni dovute al Covid, sino al 23 Ottobre, al Porte de Versailles di Parigi si terrà il Salone dell’auto 2022 che, dimostrando quando ormai si tenda a preferire più che altro kermesse trasversali, o singoli eventi in proprio, vede iscritti a partecipare pochi brand europei, ma con una certa presenza di quelli asiatici, soprattutto se interessati a portare a breve in Europa le loro ultime creazioni.

Giocando in casa al Mondial de l’Auto, il gruppo Renault, grazie all’ex responsabile del Centro Stile Peugeot, Gilles Vidal, ha schierato un omaggio elettrico al 100% della vecchia sportiva Renault 5 Turbo commercializzata dal 1980 al 1985: si tratta della nuova R5 Turbo 3E che certo risulterà gradita agli amanti di videogiochi e rally. Nel 2025 arriverà sul mercato una compatta che declinerà sull’altare delle zero emissioni, le qualità della R4 nota negli anni ’60: in preparazione di ciò, ne è stata presentata la concept car, in forma di 4Ever Trophy. Sempre per conto del brand principale, Renault ha portato nel suo stand anche il Kangoo E-Tech, la 2a generazione del suo furgoncino elettrico, a 7 posti, con una percorrenza dichiarata di 285 chilometri.

Il marchio romeno Dacia, sempre della scuderia Renault, ha portato la sua prima full hybrid, attraverso la versione elettrificata della compatta Jogger, e la concept car Manifesto, un suv realizzato con plastica di riciclo, barre portatutto sul tetto derivate dalla Sandero Stepway, risvolti dei sedili che diventano sacchi a pelo, e pneumatici senz’aria. Dal marchio per la mobilità sostenibile Mobilize, Renault ha ricavato due concept curiosi, Solo e Duo. Il primo è un veicolo monoposto lungo 1,37 metri, con 3 ruote e una velocità massima di 25 km/h, attento alla sicurezza grazie all’airbag e alla carrozzeria avvolgente. Il secondo modello di concept elettrico (largo 1,30 m, lungo 2,43 m, e alto 1,46 m), dedicato ai servizi di noleggio a breve termine e agli utenti urbani, sempre ecologico nei materiali usati, raccoglie l’eredità della Renault Twizy: arriverà nel 2023, solo in abbonamento o noleggio, con i suoi interni a due posti, non affiancati ma in tandem. Di base potrà essere guidato con patente AM a una velocità di picco di 45 km/h, o sino ad 80 km/h con patente B: l’autonomia dichiarata, tramite una ricarica dallo sportellino anteriore via spina Tipo 2, è di 140 km. 

Grazie ad Alpine, Renault esibirà innanzitutto il concept di hypercar Alpenglow, con “alimentazione a idrogeno con due serbatoi laterali” e interni monoposto come nelle vetture di Formula 1 (da cui ci si è ispirati pure per il volante), firma sdoppiata a LED, ed enormi cerchi in lega. In più, sarà mostrata anche l’auto sportiva omologata per uso stradale A110 R, alleggerita di 34 kg (ora quindi da 1.082 kg) rispetto al modello A110 S. 

Il gruppo Stellantis proporrà la Jeep Avenger. Si tratta di un suv realizzato in Polonia, nello stabilimento di Tychy, tramite la piattaforma Stla Small. Il veicolo compatto in questione dichiara un’autonomia di 400 km, e una propulsione 100% elettrica con 156 cavalli vapore di potenza. Attraverso il marchio controllato Peugeot arriverà in Italia, con due diverse potenze (180 vs 225 CV), quel mix tra coupé e berlina nota col nome di Peugeot 408. Il recente (nato nel 2014) marchio DS Automobiles svelerà due restyling, tra cui il crossover elettrico Ds 3 portato a 420 km di autonomia attraverso l’ingrandita batteria da 54 chilowattora, e il Suv Ds 7. 

Mercedes-Benz si è distinta organizzando un fuori salone al Museo Rodin di Parigi, ove ha inteso esporre il suv EQE, realizzato su piattaforma EVA, con 4 ruote motrici sterzanti e un’autonomia di 590 km via batteria da 90 chilowattora

Il secondo marchio di veicoli elettrici dopo Tesla (la cui Tesla Model 3 ha inteso sfidare attraverso il veicolo Seal), in veste di brand cinese Byd, proporrà, tutti elettrici al 100% e pronti al debutto europeo, il crossover Atto 3, il suv Tang, e la berlina Han. Alla fine del prossimo anno, il mercato delle compatte a zero emissioni, almeno in Germania, sarà attenzionato da Great Wall Motors che metterà in circolazione la Funky Cat del sotto marchio Ora con 320 km di autonomia. I vietnamiti VinGroup, attraverso il marchio VinFast, presenti in fiera pure con dei crossover (il piccolo VF 6 e il compatto VF 7), arriveranno entro fine anno, con annessa rete di vendita di assistenza, in Europa e USA, con due suv, tra cui il grande VF 9 ed il medio VF 8.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Perbacco, tante novità che nella prossima settimana saranno certo sviscerate con maggiori dettagli: intanto, devo dire che la hypercar AlpenGlow mi ha colpito molto, anche esteticamente, mentre mi aspetto davvero molto dai marchi asiatici che, negli ultimi anni, hanno aggredito il mercato in modo molto convincente e che ora si stanno attrezzando bene anche con l'assistenza.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!