Iscriviti

Mercedes: il restyling conferisce alla nuova classe C un po’ del premium della classe S

Al prossimo autosalone di Ginevra, la casa di Stoccarda presenterà una revisione della sua Mercedes classe C, soggetta ad un restyling non solo estetico ma anche funzionale, per avvicinarla alla sorella maggiore classe S, ed alla sua aura "premium".

Auto
Pubblicato il 19 febbraio 2018, alle ore 12:11

Mi piace
11
0
Mercedes: il restyling conferisce alla nuova classe C un po’ del premium della classe S

Manca sempre meno al salone dell’auto di Ginevra, previsto nella città elvetica tra l’8 ed il 18 Marzo prossimi, ed il gruppo Mercedes Benz si prepara a portarvi la sua nuova berlina di medie dimensioni, meglio nota come Mercedes Classe C che – per l’occasione – esibirà un restyling non solo estetico, destinato a coinvolgere anche la station wagon. 

Dopo quattro anni dalla sua presentazione – era il 2014 – la quarta generazione della Mercedes Class C fa il tagliando, mantenendo un design tutto sommato consueto, a parte qualche piccolo dettaglio esteriore, come i rinnovati paraurti e, a seconda dell’allestimento scelto, le mascherine ad hoc. I gruppi ottici, sempre a LED, nascondono le novità al loro interno: ad esempio, è possibile preferirli nell’opzione “Multibeam Led” in cui, grazie alla presenza di 84 led separati, riescono ad assicurare 650 metri di visibilità davanti al veicolo, e a non abbagliare chi si incrocia, parzializzando in modo smart (tenendo – cioè – conto della velocità e del tipo di percorso) parte del proprio fascio luminoso. 

Negli interni, per avvicinare tale categoria alla sorella maggiore classe S vi è stata una revisione delle finiture e, in tema comfort, l’accesso al veicolo keyless, senza chiavi: desiderando qualcosa in più sul piano della personalizzazione, va richiesto il pacchetto “Energizing” che cuce il veicolo su misura, in base al proprio umore, regolando di conseguenza la colorazione dei led interni, la musica (sempre potente, grazie ai 225 Watt, erogati dall’impianto stereo Burmester basato su 9 altoparlanti), ma anche la climatizzazione, l’aromaterapia, ed il massaggio erogato dai sedili. In tal senso, è possibile richiedere – come comfort aggiuntivo – l’opzione per i nuovi sedili Multicontour che, oltre a disporre della già citata funzione massaggiante, possono essere regolati elettronicamente nei supporti lombari e laterali

Ovviamente dotata dei moderni sistemi di guida assistita, la nuova Mercedes classe C non esaurisce certo qui le sue sorprese per quel che concerne l’abitacolo. Le linee sono molto pulite, grazie alla scelta di optare per una strumentazione totalmente digitale: tuttavia, non si è osato oltre, ed il quadro comandi dietro il volante (da 5.5 o 12.3 pollici) e l’infotainment sulla plancia (da 7 o 10.25 pollici) rimangono separati.

Quest’ultimo, in particolare, presenta – con controlli touch sul volante o comandi vocali – il sistema “Comand Online” con mappe tridimensionali arricchite con indicazioni live sul traffico, applicazioni dedicate (tra cui anche un browser), il supporto ad Android Auto ed Apple CarPlay, ed al “social” Car-To-X, che mette in comunicazione le auto compatibili e l’arredo urbano smart, in modo da supportare la guida assistita. Dulcis in fundo, anche un sistema per la ricarica wireless dei propri smartphone

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - In fondo, si tratta di una sorta di affinamento di un qualcosa che già funzionava, ma che andava ritoccato in modo da avvicinare la classe C alla S sul pianto della qualità, e di quanto offerto: ora, in effetti, i tratti in comune sono maggiori, ed anche l'esperienza di guida è più immediatamente riconoscibile. Per i prezzi, e l'arrivo sul mercato, però, occorrerà attendere la kermesse marzolina di Ginevra.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!