Iscriviti

In Germania si fa largo la proposta del limite dei 130 km/h sulle autostrade

La Chiesa Evangelica tedesca vuole indire una raccolta firme al fine di introdurre il limite dei 130 km/h sulle autostrade. Più che per la sicurezza al volante, lo scopo sarebbe quello di ridurre l’impatto ambientale.

Auto
Pubblicato il 21 gennaio 2019, alle ore 19:15

Mi piace
9
0
In Germania si fa largo la proposta del limite dei 130 km/h sulle autostrade

Per tutti i patiti di automobili, la Germania rappresenta non solo il paese in cui hanno sede diversi marchi premium, ma anche la patria delle autostrade senza limiti e senza pedaggio.

Eppure, nel giro di qualche anno, le celebri autobahn teutoniche potrebbero diventare oggetto di una profonda trasformazione, non tanto a livello strutturale, quanto più prettamente pratico e burocratico. Innanzitutto, dopo un lungo braccio di ferro con l’Unione Europea, anche in quella che è la più grande economia del Vecchio Continente, bisognerà pagare il pedaggio. Al momento attuale, l’introduzione avverrà molto probabilmente nel 2020, e riguarderà i soli veicoli stranieri. Anche i tedeschi lo dovranno pagare, recuperandolo però grazie ad uno sconto di egual misura sulla tassa di circolazione.

Ma, oltre al pedaggio, non è da escludere che possa cadere un altro mito delle autostrade tedesche. In altre parole, il limite fino ad oggi raccomandato dei 130 km/h potrebbe tramutarsi in obbligatorio. A richiederlo è stata la Chiesa Evangelica della Germania Centrale, convinta che un simile intervento possa solo creare benefici all’ambiente.

A tal fine avrebbe già anticipato l’intenzione di dare avvio ad una raccolta firme. L’operazione scatterà il prossimo 6 marzo, e permetterà alla Chiesa Evangelica di ottenere un’audizione presso la Commissione delle petizioni al Bundestag, ma solo qualora entro 4 settimane vengano raggiunte 50.000 sottoscrizioni.

Secondo Christian Fuhrmann, parroco della Ekm, un simile provvedimento potrebbe garantire una riduzione delle emissioni di CO2 di qualcosa come 2 milioni di tonnellate all’anno. Per il prelato dall’anima green, a beneficiarne sarebbe anche il traffico, che risulterebbe più fluido, comportando allo stesso tempo una diminuzione del consumo degli pneumatici e dell’inquinamento acustico. Inoltre, una scelta di questo genere rientrerebbe a pieno titolo tra le varie responsabilità alle quali la Chiesa non può esularsi, in quanto considerata “riconoscimento nei confronti del creato”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Antonio Sorice

Antonio Sorice - È davvero pregevole questa particolare attenzione all’ambiente da parte della Chiesa Evangelica tedesca. Se la loro richiesta dovesse mai passare, verrebbe definitivamente smantellato il mito delle autobahn tedesche. L’ambiente e i sostenitori delle politiche ecologiste ringrazierebbero mentre, ai vertici di qualche casa automobilistica, qualcuno storcerebbe (e non di poco) il naso.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!