Iscriviti

Il 25% degli incidenti automobilistici avviene nei primi 3 minuti di guida

A rilevarlo è il provider telematico austriaco Dolphin Technologies che per due anni ha analizzato il comportamento di 40.000 automobilisti. Ridurre al minimo i brevi spostamenti in auto potrebbe dunque giovare alla sicurezza.

Auto
Pubblicato il 24 settembre 2020, alle ore 13:59

Mi piace
7
0
Il 25% degli incidenti automobilistici avviene nei primi 3 minuti di guida

Un quarto di tutti gli incidenti automobilistici avviene entro i primi tre minuti di guida. A sostenerlo è il provider telematico austriaco Dolphin Technologies, specializzato nella fornitura di soluzioni innovative in campo assicurativo e della sicurezza alla guida.

Per arrivare a tale conclusione, la società che ha fatto della tecnologia uno strumento per ridurre i sinistri e incentivare i comportamenti virtuosi al volante, per due anni ha analizzato il comportamento di 40.000 automobilisti. Questi ultimi, con i loro 3,2 milioni di spostamenti e i 1.986 incidenti, hanno permesso di creare un database sul quale effettuare una serie di considerazioni.

Più in particolare, il campo di osservazione si è concentrato sul rapporto che esiste tra durata dei viaggi e il rischio di essere coinvolti in un sinistro. Avendo ben a mente questa relazione, lo studio ha permesso di appurare che il 25% degli incidenti avviene entro tre minuti da quando ci si mette alla guida.

Se la maggior parte degli spostamenti oggetto dell’indagine (87%) ha durata inferiore ai 30 minuti, i rischi minori sono stati rilevati invece tra coloro che hanno spostamenti di durata compresa tra i 10 e 20 minuti. Al superamento di questa fascia, il rischio aumenta sensibilmente: chi sta in auto per più di 40 minuti, aumenta di 2,5 volte il rischio di essere coinvolto in un sinistro rispetto a chi guida per meno di 20 minuti.

Se ciò, più che plausibile, sembra essere scontato, altrettanto non si può dire per gli spostamenti di breve durata. Katharina Sallinger, Chief Data Scientist di Dolphin Technologies e responsabile dello studio, ricordando che il 25% di tutti gli incidenti avviene entro i primi 3 minuti, e un ulteriore 14% entro i primi 6 minuti, ha sottolineato l’opportunità di riconsiderare non solo le proprie abitudini, ma anche i mezzi utilizzati per muoversi. “Questo studio dimostra che se potessimo incoraggiare le persone a rinunciare a percorrere brevi distanze in auto, si potrebbe evitare fino al 40% di tutti gli incidenti”, ha concluso formulando quella che sembra essere una valida raccomandazione utile per migliorare la sicurezza di chi viaggia.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Antonio Sorice

Antonio Sorice - Approfondendo i risultati di questo studio, si può dedurre che chi effettua degli spostamenti in auto di brevissima durata può essere indotto ad abbassare la guardia proprio perché reputa che, percorrendo poca strada, non sia necessario avere un elevato grado di attenzione e concentrazione. Questo approccio diventa però la premessa per rimanere coinvolti in incidenti che si potrebbero facilmente scongiurare.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!