Iscriviti

Auto e moto storiche: dal 2019 il bollo è dimezzato tra i 20 e i 29 anni

La legge di bilancio 2019 consente alle auto che hanno compiuto tra i 20 e i 29 anni di età di pagare solo il 50% del bollo per poi essere completamente eronerate dai 30 anni.

Auto
Pubblicato il 24 dicembre 2018, alle ore 14:08

Mi piace
7
0
Auto e moto storiche: dal 2019 il bollo è dimezzato tra i 20 e i 29 anni

La legge di bilancio che è stata approvata dal Senato pochi giorni fa include un notevole risparmio per ciò che riguarda il bollo di automobili e moto che abbiano compiuto tra i 20 e i 29 anni dall’immatricolazione. Logicamente, bisogna farsi rilasciare il Certificato di Rilevanza Storica e Collezionistica dai registri ASI, Storico Lancia, Italiano FIAT, Italiano Alfa Romeo, Storico FMI. Nello specifico, il bollo per le auto e le moto che rientrano in questa categoria sarà ridotto del 50% rispetto a ciò che si è pagato fino a quest’anno.

Questa soluzione fa sì che anche auto che dal 2015 non potevano usufruire di nessun beneficio tornino ad essere più economiche per i proprietari. La precedente norma aveva passato l’età minima per l’iscrizione ASI da 20 a 30 anni per essere completamente esonerati dal pagamento del bollo.

Riduzione bollo al 50% per auto e moto d’epoca

In realtà, con la legge del 2015 non esisteva una soglia di età uguale per tutti, ma diversificava in base alla regione di residenza. Infatti, alcune regioni consentivano già a 20 o 25 anni di non pagare il bollo, mentre altre si mantenevano a 30. La necessità della nuova legge è stata quella di rendere l’applicazione omogenea su tutto il territorio nazionale.

Di seguito è riportato l’estratto del comma aggiunto alla legge 21 novembre 2000, numero 342:“1-bis. Gli autoveicoli e motoveicoli di interesse storico e collezionistico con anzianità di immatricolazione compresa tra i 20 e i 29 anni se in possesso di certificato di rilevanza storica di cui all’articolo 4 del decreto ministeriale 17 novembre 2009, rilasciato dagli enti di cui al comma 4 dell’articolo 60 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e qualora tale riconoscimento di storicità sia riportato sulla carta di circolazione, saranno assoggettati al pagamento della tssa automobilistica con una riduzione pari al 50%”.

Come già detto, per poter usufruire del 50% di sconto sul bollo, bisogna registrare l’auto come d’epoca. Per avere il certificato, bisogna pagare una quota annuale di iscrizione ai club locali: quest’ultima spesa varia in base al club, con una cifra che dovrebbe aggirarsi tra i 100 e i 150 euro. 

Inoltre, la carta di circolazione deve riportare lo stato di vettura o moto d’epoca e, per fare ciò, bisogna fare richiesta alla MCTC, allegando l’originale e la fotocopia del certificato di rilevanza storica. Insieme a questo, vanno presentate le ricevute di alcuni bollettini pagati, da 9 euro sul c/c 9001, e da 14.62 euro sul c/c 4028.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Francesco Menna

Francesco Menna - Per fortuna, le auto che sono tra i 20 e i 29 anni possono usufruire di questo sconto. Anche se, effettivamente, dovendo pagare la quota di iscrizione annuale, non so se poi conviene effettivamente, anche perché - se dopo l'auto storica si vuole tornare ad un auto moderna - si parte dalla classe più costosa per quanto riguarda le assicurazioni.

Lascia un tuo commento
Commenti
Angelo Cioffi
Angelo Cioffi

26 dicembre 2018 - 00:24:49

Un ottima legge,ci voleva proprio,nn e giusto pagare tasse per intero

0
Rispondi