Iscriviti

Gli italiani si confermano i più auto-dipendenti d’Europa

Secondo una ricerca europea, sono gli automobilisti italiani a trascorrere più tempo in assoluto in auto. Ogni settimana, si rimane nell'abitacolo della propria vettura per un tempo medio di 10 ore e 40 minuti.

Auto
Pubblicato il 17 maggio 2017, alle ore 13:08

Mi piace
15
0
Gli italiani si confermano i più auto-dipendenti d’Europa
Pubblicità

Un recente studio condotto a livello europeo ha voluto mettere in evidenza quanto tempo si trascorre mediamente all’interno della propria vettura.

Spesso, non ci si fa caso in quanto si è intenti ad ascoltare la radio, o ad interloquire con i passeggeri, ma le lancette dell’orologio scorrono inesorabilmente fino a decretare una sentenza assai preoccupante: a livello continentale, a trascorrere più tempo in auto sono gli automobilisti italiani.

A fare emergere il dato non certo confortante, ci ha pensato una ricerca europea condotta congiuntamente da Ipsos e Boston Consulting Group. La conclusione a cui sono giunte sia la società dedita alle ricerche di mercato che la multinazionale statunitense specializzata nell’attività di consulenza è incontrovertibile: i più autodipendenti del Vecchio Continente sono gli italiani.

E non potrebbe essere diversamente, se si considera che ogni settimana gli automobilisti del Belpaese trascorrono in auto una media di 10 ore e 40 minuti. In altre parole, è come se alla classica settimana lavorativa di cinque giorni, se ne dovesse aggiungere anche un sesto speso esclusivamente al volante della propria autovettura. Il dato tiene, infatti, conto dei soli giorni feriali; si esclude quindi il tempo speso per la spesa del sabato, o per le gite fuori porta della domenica.

Stando a quanto emerso, il 69% degli italiani non riesce proprio a rinunciare all’auto per andare al lavoro, o per studiare. Inoltre, il 64% del campione intervistato accompagna i figli a scuola o in palestra sempre e solo in auto. A livello europeo, le percentuali sono rispettivamente del 61% e del 56%.

La ragione di tutto ciò è, come sempre, imputabile alla poco efficiente rete di trasporti pubblici. Il 43% degli italiani ha ammesso che è particolarmente arduo muoversi facendo uso dei mezzi pubblici. In secondo luogo, nel nostro Paese continua a prevalere la non indifferente comodità del sedersi in auto per arrivare a destinazione.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore

Antonio Sorice - La ricerca europea, ancora una volta, dimostra quanto gli italiani siano dipendenti dall'auto. Il tutto è causato dalle croniche carenze delle infrastrutture pubbliche, ma anche dalla comodità garantita dal mezzo privato. Tutto ciò genera un consistente aumento del traffico nelle nostre città, che diventano invivibili soprattutto negli orari di punta.

Lascia un tuo commento
Commenti
Fabrizio Ferrara

17 maggio 2017 - 13:09:11

Pensare al telelavoro no eh?

0
Rispondi