Iscriviti

Dal 2023 Volvo darà l’addio ai motori diesel

Il numero uno della casa automobilistica svedese ha annunciato che con il 2023 terminerà lo sviluppo dei motori diesel. Le risorse legate alle sempre più severe norme antinquinamento sarebbero eccessive e lo renderebbero economicamente poco redditizio.

Auto
Pubblicato il 22 maggio 2017, alle ore 15:18

Mi piace
15
0
Dal 2023 Volvo darà l’addio ai motori diesel
Pubblicità

Il connubio tra Volvo e motori diesel avrebbe i giorni contati. La casa automobilistica svedese per bocca del del suo numero uno Hakan Samuelsson ha infatti annunciato l’intenzione di rinunicare allo sviluppo di una nuova generazione di motori alimentati a gasolio. La ragione è presto detta: gli investimenti legati alle sempre più severe norme antinquinamento sarebbero decisamente elevati.

Se il diesel non garantirebbe la dovuta redditività, a quel punto sarebbe meglio accantonarlo in un cassetto insieme ai suoi progetti di sviluppo. Almeno questo è quanto si può trarre dalle dichiarazioni rilasciate dal Ceo della casa di Goteborg, intervistato per l’occasione dal quotidiano tedesco Frankfurter Allgemeine Zeitung.

La decisione presa dalla casa scandinava di proprietà dei cinesi della Geely non è certo da poco. Ad oggi in Europa quasi la metà delle auto vendute è spinta da un motore che sfrutta il principio della compressione. Ma le restrizioni imposte dal legislatore comunitario in fatto di emissioni di anidride carbonica e ossidi di azoto non lasciano alcuna via di scampo. L’adeguamento sarebbe assai difficile oltre che gravoso dal punto di vista finanziario. Lo stesso scandalo sollevato a seguito del “dieselgate” ha insegnato che rientrare nella normative antinquinamento è assai arduo, a meno che non si sia disposti a sotterfugi di dubbia correttezza.

Per gli svedesi il motore brevettato oltre un secolo fa da Rudolf Diesel rappresenterebbe nient’altro che un propulsore di vecchia concezione che avrebbe raggiunto il suo limite tecnologico. L’unica soluzione possibile sarebbe invece quella di ripiegare sullo sviluppo del motore elettrico.

L’intenzione è infatti quella di presentare entro il 2019 una vettura alimentata esclusivamente a corrente. Nel frattempo Volvo continuerebbe a sviluppare i motori a benzina, a gas, e i diesel dell’ultima generazione risalente al 2013. Per questi ultimi lo stop arriverebbe comunque nel 2023.

Samuelsson ha inoltre tessuto le lodi di un costruttore come Tesla, capace non solo di creare un segmento che prima non c’era, ma anche di mettere in fila i clienti per un prodotto non ancora presente sul mercato. Ma è proprio su questo mercato che Volvo conta di entrare con prepotenza, puntando a vendere non meno di un milione di auto elettriche entro il 2025.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore

Antonio Sorice - Volvo sembra proprio intenzionata a fare sul serio. Del resto perdere il treno dello sviluppo dei motori elettrici potrebbe minare la sopravvivenza stessa di molte delle attuali case automobilistiche. Chi dovesse rimanere indietro potrebbe non recuperare ed essere perduto per sempre. Volvo vuole essere della partita, decidendo di iniettare liquidità in quello che sembra essere il futuro della mobilità a quattro ruote.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!