Iscriviti

Maturità 2014: Polizia postale denuncia Scuolazoo

Il portale Scuolazoo è stato denunciato dalla Polizia Postale in quanto avrebbe promesso la risoluzione delle prove scritte della Maturità

Internet e Social
Pubblicato il 18 giugno 2014, alle ore 16:03

Mi piace
0
0
Maturità 2014: Polizia postale denuncia Scuolazoo

La polizia postale ha denunciato i titolari del portale Scuolazoo. Questi ultimi, infatti, avrebbero promesso la risoluzione delle prove d’esame durante la sessione d’esame.

Il servizio offerto ai maturanti era quello di risolvere il tanto temuto elaborato dopo aver mandato una foto della traccia. La prova redatta sarebbe stata poi “passata” su WeChat. La Polizia Postale, che in queste ore ha lavorato strenuamente monitorando al massimo la rete alla ricerca di anomalie di qualsiasi tipo intorno al tanto temuto esame di Maturità, ha denunciato i titolari del portale web “Scuolazoo.it per “istigazione a delinquere per aver pubblicamente istigato la commissione del reato di cui all’art. 1 L. nr.475/1925” che punisce “chiunque, con qualsiasi mezzo, offre di procurare od eseguire dissertazioni, studi, pubblicazioni, progetti tecnici ovverosia quello di produrre tali scritti ad esami pubblici”.

Questo singolare servizio offerto ai maturandi più disperati, alla ricerca di un aiuto durante la stesura delle temibili prove scritte, non è passato inosservato al monitoraggio della Polizia Postale. Subito la Procura della Repubblica presso il tribunale di Milano, ha emesso un decreto di sequestro preventivo della pagine web di Scuolazoo «per non aggravare le conseguenze del reato, essendo il servizio -spiegano alla Polizia delle Comunicazioni- comunque consultabile da parte degli studenti al momento dell’esecuzione degli esami di maturità».

Un servizio, quindi, estremamente particolare quello offerto da Scuolazoo.it, ma che avrebbe di certo fatto comodo ai tantissimi maturandi, che sono sempre alla ricerca di aiuti da casa. La nuova tecnologia, inoltre, e gli smartphone sempre più evoluti rendono questa possibilità sempre più reale. Proprio alla luce delle sempre maggiori possibilità dei maturandi di ottenere aiuto, i controlli sono ancora più serrati, sia nella rete che nelle aule dove si stanno svolgendo anche quest’anno le prove della Maturità 2014.

Chissà se gli studenti saranno riusciti a trovare un’alternativa o saranno stati “costretti” a redigere da soli i loro temi.

Video interessanti:
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!