Iscriviti

Bodybuilder si inietta olio nei bicipiti: “ho le braccia più grandi della Russia”

Le sue braccia sono talmente gonfie da meritare il titolo di "più grandi della Russia" e sono il vanto di un bodybuilder che usa un metodo poco consigliabile per ottenere dei bicipiti così imponenti

Video incredibili
Pubblicato il 8 ottobre 2018, alle ore 09:55

Mi piace
1
0
Bodybuilder si inietta olio nei bicipiti: “ho le braccia più grandi della Russia”

La società moderna è ossessionata dal modo in cui appare, dal proprio aspetto fisico e fa di tutto per raggiungere il risultato ambito, anche se spesso ci si lascia andare anche a metodi decisamente poco convenzionali se non addirittura pericolosi per la propria salute.

Sappiano tutti quanto sia difficile seguire una dieta ipocalorica, magari con una tendenza ad assumere più proteine, ed allenarsi più volte a settimana in palestra: perché dunque ostinarsi con questi metodi tradizionali se esiste qualcosa che regala effetti immediati e senza sforzi?

E’ quello che ha pensato un ragazzo di 21 anni che si chiama Kirill Tereshin e che sta diventando famoso in tutto il mondo grazie alle foto e ai video che pubblica sui social network in cui sfoggia dei muscoli davvero impressionanti.

Soprattutto i bicipiti fanno parlare di lui, tanto che il ragazzo stesso ammette di avere le braccia più grosse di tutta la Russia. Ma come fa Kirill ad avere questi bicipiti così sviluppati? Quante ore al giorno si allena per aver raggiunto un risultato simile?

In realtà meno di quello che tutti penseremmo. Infatti, Kirill ha iniziato ad iniettarsi nei bicipiti una sostanza chiamata Synthol che ha permesso, appunto, alle sue braccia di raggiungere queste dimensioni, ben 62 centimetri.

Kirill ha poi raccontato che per ottenere tali risultati ha dovuto forzare di molto le dosi consigliate e che per questo motivo ha avuto anche dei problemi di salute dai quali si è ripreso. “Ad un certo punto ho pensato stessi morendo…però è andata bene”.

Nonostante il record, ovviamente, Kirill ha ricevuto svariate critiche dal momento che quel risultato non è frutto di lavoro vero ma solo di un escamotage che fa tanto male alla salute e che non deve essere per nessun motivo replicato, ne imitato.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!