Iscriviti

Le Iene: video hard diffuso in rete, l’inferno vissuto da una ragazza palermitana

Nina Palmieri ha incontrato Giulia, filmata mentre faceva sesso con il suo ragazzo nel parcheggio di un centro commerciale. Il video diffuso in rete le ha rovinato la vita.

Televisione
Pubblicato il 21 novembre 2019, alle ore 09:53

Mi piace
9
0
Le Iene: video hard diffuso in rete, l’inferno vissuto da una ragazza palermitana

Era il 14 gennaio del 2015 quando Giulia, ragazza palermitana 17enne, decide con il suo fidanzato di appartarsi nel parcheggio del centro commerciale “La Torre” di Palermo per consumare un rapporto sessuale. I due ragazzi si accertano che non ci siano occhi indiscreti a guardarli, ma non si accorgono che la zona è video sorvegliata.

E mentre i due innamorati si scambiano effusioni amorose, nella portineria del centro commerciale alcuni addetti alla sicurezza, due uomini e una donna, osservano la scena e la riprendono con un cellulare, sghignazzando per quello che stanno vedendo. Il video viene subito inviato a qualche amico tramite whatsapp e in breve tempo si diffonde a macchia d’olio, anche oltre i confini nazionali.

Infatti uno zio di Giulia residente in Canada riceve il video, riconosce il volto della nipote e la contatta per chiedere spiegazioni. Per Giulia è un bruttissimo colpo, e da quel momento la ragazza diventa bersaglio sui social, dove riceve centinaia di commenti offensivi e feroci. Inizia ad isolarsi da tutti e per sei mesi abbandona anche la scuola, fino a quando un’insegnate e due sue amiche le fanno visita a casa e manifestano la loro solidarietà e il loro supporto.

Il rientro a scuola per Giulia è uno dei momenti peggiori della sua vita, con tutti i ragazzi curiosi di vedere la “signorina la Torre”, come veniva appellata la ragazza. Da quel momento la ragazza cade in depressione, pensando anche al suicidio, nonostante la vicinanza della famiglia. Oggi Giulia, che ha cambiato anche città, vorrebbe sottoporsi ad un intervento di chirurgia bariatrica, per limitare quella fame continua che oggi sta distruggendo anche il suo corpo, oltre che alla sua autostima. La ragazza spera che questo passo l’aiuti a lasciarsi alle spalle questi difficili ultimi quattro anni.

I responsabili della diffusione del video sono stati rinviati a giudizio e dovranno affrontare un processo, che hanno cercato di evitare offrendo un risarcimento a Giulia. Nina Palmieri li ha incontrati, ma mentre la donna che ha ripreso la scena ha negato di essere se stessa, l’uomo che ha condiviso il video sui social ammette la leggerezza di averlo condiviso su Facebook e si dichiara dispiaciuto dell’accaduto, tanto da chiedere scusa a Giulia a cui consiglia di superare questo momento.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Costantino Ferrulli

Costantino Ferrulli - Con la diffusione degli smartphone diventa sempre più facile riprendere qualsiasi cosa e fargli fare il giro del Mondo con un click. Ma non sempre chiediamo l’autorizzazione a chi viene ripreso e soprattutto non ci rendiamo conto che un video messo in rete non potrà mai più essere rimosso totalmente. In questo caso la leggerezza di una persona ha rovinato la vita a questa ragazza, che per un solo caso non si è tolta la vita. Speriamo che Giulia possa ritrovare la serenità e che la sua storia faccia riflettere tutti quanti.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!