Iscriviti

I nostri figli: film sul dramma del femminicidio

I nosti figli, con Vanessa Incontrada e Giorgio Pasotti, è andato in onda su rai 1. Una fiction liberamente ispirata alla storia di una donna catanese uccisa dal marito nel 2007.

Televisione
Pubblicato il 7 dicembre 2018, alle ore 08:49

Mi piace
19
0
I nostri figli: film sul dramma del femminicidio

Il film “I nostri figli”  in onda su Rai 1, vede protagonisti Vanessa Incontrada e Giorgio Pasotti nei panni di Roberto e Anna Falco, una coppia straordinaria che con tanto coraggio decide di aiutare tre fratellini, rimasti orfani di madre per mano del padre e che, altrimenti, avrebbero rischiato di crescere lontano l’uno dagli altri.

Il film è liberamente ispirato al caso della siciliana Marianna Manduca uccisa  il 3 ottobre 2007 a coltellate dall’ ex marito denunciato ben dodici volte senza essere, evidentemente, fermato. “Non mi rimane altro che continuare a denunciare nella speranza che qualcuno mi ascolti” questo si legge dai documenti. I figli di Marianna che sono stati adottati dalla famiglia di Carmelo Calì, cugino della vittima. 

Roberto e Anna Falco sono una coppia come tante: un matrimonio riuscito, due figli e tanto lavoro per cercare di costruire il futuro migliore possibile. Lui, piccolo imprenditore edile, lei dipendente di un grosso supermercato.

All’improvviso, però, una telefonata li sbatte dinanzi ad una tragedia che richiede una tenacia e un senso di responsabilità enormi. La coppia non si tira indietro. Tra mille dubbi, decidono di assumersi la responsabilità di Giovanni, Luca e Claudio, i tre figli della vittima, e di portarli dalla Sicilia a Senigallia ,dove vivono e, fondamentalmente, di insegnargli l’ amore anche quando i contrasti saranno all’ ordine del giorno, caricandosi ogni peso sulle spalle. E provando a farlo col sorriso.

I tre fratelli non conoscono i dettagli della morte della madre ed influenzati dalle calunnie del padre, sono scostanti e diffidenti.

In un momento di comprensibile stress, Roberto rivelerà senza troppa delicatezza ai bambini la verità sulla morte della madre. I bambini sono chiaramente scioccati e tutti i progressi fatti per costruire un rapporto pare stiano per essere vanificati ma Anna pensa di fare un tentativo estremo: andranno tutti a Palagonia dai nonni materni a fare i conti con il passato.

Davanti ad un carretto di gelati, si ristabilirà e si creerà una unione forte che dura, nella vita reale, ormai da undici anni.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Maria Guerricchio

Maria Guerricchio - Un tema estremamente delicato e tristemente attuale quello del femminicidio trattato con molta delicatezza in questo film con una protagonista al femminile ,Vanessa Incontrada, che ha a mio parere un fare così materno e amabile sempre che nessun' altra attrice avrebbe reso altrettanto. Una storia che racconta di contro ad un gesto efferato, anche una scelta di amore forte. Giorgio Pasotti, ha detto in un' intervista una cosa che condivido pienamente "In un mondo in cui ormai ci si lascia perché uno russa la notte o ha gusti alimentari diversi questa storia mi ha aiutato a capire che la vera unione è quella che ti dà la possibilità di realizzare progetti importanti"

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!