Iscriviti

"Goldrake", il famoso cartone animato giapponese degli anni ’70 compie quaranta anni

Il 4 aprile 1978 andava in onda la prima puntata del cartone animato giapponese Goldrake e la sua sigla è ancora canticchiata dai quarantenni e non solo.

Televisione
Pubblicato il 4 aprile 2018, alle ore 16:09

Mi piace
8
0
"Goldrake", il famoso cartone animato giapponese degli anni ’70 compie quaranta anni

Il 4 aprile di quaranta anni fa andava in onda la prima puntata del cartone animato giapponese Goldrake divenuto un punto di riferimento per la generazione degli anni ’70 e ’80. Atlas Ufo Robot, questo era il vero nome completo veniva trasmesso dal lunedi al venerdi alle ore 19.20 su Rai 2 tenendo milioni di italiani di tutte le età incollati al televisore.

Diventato in pochi mesi un cult ancora oggi viene ricordato come il cartone animato più seguito negli anni ’70 e la sua sigla è ancora canticchiata da quarantenni ma non solo: “Si trasforma in un razzo missile con circuiti di mille valvole tra le stelle sprinta e va. Mangia libri di cibernetica, insalate di matematica e a giocar su Marte va Goldrake”.

Il Manga, diventato un tormentone impossibile da dimenticare, raccontava la battaglia tra il bene ed il male dove, il protagonista Actarus assieme ai suoi separabili amici lottava contro il cattivo rappresentato dal perfido Vega. Per ben 71 puntate Actarus cerca dunque di sconfiggere l’impero del cattivo Vega e solo alla fine ci riesce dando vita così a quella che Marco Pellitteri, sociologo, ha definito la Goldrake Generation.

Goldrake ha anche dato inizio a quella che successivamente sarà chiamata come la “tv dei ragazzi” con la sua messa in onda in una fascia oraria che oggi non verrebbe nemmeno presa in considerazione dalle nuove generazioni. Per la generazione degli anni ’70, Goldrake, invece aveva la capacità di portare i telespettatori in una realtà lontana unendo il divertimento, l’amore, ma soprattutto la paura per il futuro.

Se da una parte c’era chi come Gianni Rodari lo aveva addirittura definito “una sorta di fiaba in chiave moderna”, dall’altra fu anche molto criticato dal conduttore Enzo Tortora che durante una puntata del suo programma intitolato “L’altra campana” ne parlò addirittura come un cartone animato troppo violento visto il numero di morti causati dallo stesso protagonista.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Mara Ricci

Mara Ricci - Chi come me ha vissuto negli anni '70 si ricorda benissimo di Goldrake e del cartone animato che ancora oggi fa parte di tutti noi. La sua sigla memorabile viene cantata in ricordo di quei tempi dove ogni pomeriggio ci si collegava sulla Rai e durante i compiti ogni tanto si sbirciava la televisione per guardare le avventure del protagonista Actarus. Peccato che al giorno d'oggi non ci siano più i cartoni animati di una volta.

Lascia un tuo commento
Commenti
Fabrizio Ferrara
Fabrizio Ferrara

04 aprile 2018 - 18:41:50

Il nonno di Mazinga :D

0
Rispondi
Fabrizio Ferrara
Mara Ricci

04 aprile 2018 - 22:00:50

Praticamente si

0