Iscriviti

Fabio Fazio: basterà la preghiera contro il malocchio per restare alla RAI?

Durante l'intervista a Maria Grazia Cucinotta, siciliana doc, chiede una preghiera in dialetto siciliano contro il malocchio per la RAI. E' evidente la tensione tra il conduttore televisivo e la RAI.

Televisione
Pubblicato il 30 maggio 2017, alle ore 11:14

Mi piace
10
0
Fabio Fazio: basterà la preghiera contro il malocchio per restare alla RAI?

Durante la rubrica “Che tempo che fa” andata in onda su Rai 3 domenica sera, Fabio Fazio ha intervistato Maria Grazia Cucinotta, nota attrice italiana, tra le domande ne ha incalzata una per lanciare una frecciatina alla Rai. Il conduttore televisivo ha chiesto alla Cucinotta di recitare una preghiera, in dialetto siciliano contro il malocchio, rivolta alla Rai.

L’attrice munita di un foglietto, con il sorriso alle labbra ha cominciato a leggere: “si RAI avi u malocchio a mari mi sinni a van mari.”, mentre recitava la preghiera la mano destra gesticolava, l’ultimo gesto è stato quello di lanciare dietro di sé il malocchio. Alla fine della preghiera, in quadro sempre allegro, quasi fossimo a teatro, ironicamente Fazio ha detto: “Ragazzi, di più non si può fare! Io le ho tentate tutte per rimanere. Adesso fate voi…”.

Da tutto ciò è facile intuire e capire che i rapporti tra il conduttore e i vertici Rai non stanno andando a gonfie vele. A quanto pare Fazio non sa più cosa fare, l’ultimo appiglio, anche se ironico, una preghiera che sa più di un “mandargliela a dire” che di preghiera.

Cosa chiede Fazio alla Rai lo si viene a conoscere dal “Festival della Tv” tenutosi ai primi di maggio: “Per rimanere in Rai c’è la necessità che si dica che chi fa il mio mestiere è un valore per l’azienda e non un costo”.

La testimonianza che il direttore generale della Rai, Campo Dall’Orto, fa di Fazio durante lo stesso festival è del tutto positiva: “Fazio per me è un patrimonio della Rai. Non è un volto, è un autore, e la tv si fa con gli autori”. E allora? Secondo il segretario della commissione di Vigilanza Rai, Michele Anzaldi si tratta di: “uno scivolone, una caduta di stile, un autogol. (…) viene toccato il suo megastipendio“.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - In questo caso credo più al "mandargliela a dire" che alla preghiera e al malocchio a cui non credo proprio. Penso che il rapporto di Fazio con la Rai dovrebbe essere trattato in altra sede e con altri processi, più che far parte di uno spettacolo televisivo, incrementando la curiosità e l'attesa se non di tutti, sicuramente di molti.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!