Iscriviti

Domenica Live: Gerry Scotti si commuove in diretta ricordando Fabrizio Frizzi

Il popolare conduttore di Canale 5, ospite di Barbara D’Urso, non riesce a trattenere le lacrime ricordando il collega e amico recentemente scomparso

Televisione
Pubblicato il 16 aprile 2018, alle ore 00:14

Mi piace
16
0
Domenica Live: Gerry Scotti si commuove in diretta ricordando Fabrizio Frizzi

In occasione del ritorno in televisione del suo game show The Wall, Gerry Scotti è stato ospite, per la prima volta, di Domenica Live, il talk show condotto da Barbara D’Urso. Il popolare conduttore, originario del pavese, ha parlato della sua infanzia, dei suoi esordi in TV, del figlio Edoardo e del ritorno dei suoi ultimi programmi di successo, The Wall, appunto, promosso in prima serata la domenica, e Caduta Libera, che riprenderà il 23 Aprile.

Dopo aver raccontato e scherzato sulla carriera del conduttore, la D’Urso ha poi parlato del rapporto con Fabrizio Frizzi, del quale Scotti conserva ancora i messaggi sul cellulare. A questo punto è partito un filmato, con il testo della lettera che Gerry Scotti ha scritto all’amico scomparso lo scorso 26 marzo, e pubblicata sulla Stampa.

“Caro amico ti scrivo, e sinceramente non avrei mai pensato di scriverti le cose che sto per dirti”, l’inizio di questo messaggio, che ha ripercorso l’amicizia che legava i due conduttori, nonostante fossero rivali con i loro quiz preserali.

“La nostra amicizia, la nostra familiarità, la nostra vicinanza nel mondo del lavoro ci ha sempre portato a degli scambi molto brevi e molto intensi: piccoli, affettuosi messaggi, lasciati sul telefono l’uno dell’altro in tutte le occasioni che sentivamo di doverci dire qualcosa. Tu non ci crederai, ma per un curioso scherzo del destino, oppure per un istinto sovrannaturale li ho conservati tutti: dai semplici auguri di Natale o di Pasqua, ai tuoi auguri per i miei sessant’anni, alle nostre prese in giro su quando cominciavano i nostri programmi: in bocca al lupo ma non esagerare perché dall’altra parte ci sono io.”

Durante la lettura di queste parole, Gerry Scotti non è riuscito a trattenere le lacrime, come era già successo durante l’intervento telefonico a Mattino 5, il giorno dopo la morte di Frizzi. La lettera è proseguita con il ricordo degli ultimi mesi di vita di Frizzi: “E per finire quelli molto stringati, ma colmi di affetto, di quando è iniziata la tua malattia ed insieme è iniziata la tua lotta per stare attaccato a questa vita.”

Il messaggio all’amico e collega scomparso è continuato con una serie di attestati di stima: “Ora che non potrai più leggere i miei messaggi ti voglio dire quanto ho ammirato la tua semplicità, la tua normalità, il tuo garbo, la tua correttezza e il tuo sorriso. È stupefacente, queste che sono le cose che più ricordo di te, sono quelle che oggi sono sulla bocca di tutti. Vuol dire che al mondo d’oggi e soprattutto nel nostro mondo, quello dello spettacolo, una persona per bene può ancora lasciare il segno. Tu, Fabrizio credimi, il segno lo hai lasciato.”

Infine un messaggio di speranza per se stesso: “Spero di avere la forza e la salute per fare ancora questo lavoro per tanti anni, senza di te come avversario ma con te nel cuore. Concludo questa lettera che sono sicuro ti arriverà con la frase che chiudeva tutti nostri messaggi telefonici: un abbraccio. Ed è l’abbraccio che tutti noi ti dobbiamo, dobbiamo a tua moglie, a tua figlia e a tutti coloro che ti hanno voluto bene.”

L’applauso del pubblico e la commozione generale hanno accompagnato il momento di silenzio di Barbara D’Urso e Gerry Scotti, prima che il conduttore spiegasse di aver preferito scrivere una lettera anziché rilasciare la solita intervista per raccontare il suo rapporto con Frizzi, una lettera firmata “Gerry”, ma, visti i contenuti, che poteva essere stata scritta da qualsiasi collega del conduttore recentemente scomparso.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Costantino Ferrulli

Costantino Ferrulli - Sono passate tre settimane dalla morte di Fabrizio Frizzi, ma la scomparsa del conduttore RAI ancora oggi suscita una profonda commozione quando si parla di lui. Questa volta è toccato a Gerry Scotti, che non è riuscito a trattenere le lacrime, mentre veniva riletta la lettera che lui stesso aveva dedicato al collega scomparso. Ancora una volta Gerry si è dimostrato una persona di cuore.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!