Iscriviti

Cyrano, rivelazione shock di Stefania Sandrelli: "Io violentata e presa a botte da ragazza"

Durante un'intervista nella trasmissione "Cyrano. L'amore fa miracoli" in onda su Rai 3, Stefania Sandrelli decide di rivelare un fatto, accaduto nel suo passato, molto doloroso: è stata vittima di una violenza.

Televisione
Pubblicato il 6 aprile 2018, alle ore 23:21

Mi piace
6
0
Cyrano, rivelazione shock di Stefania Sandrelli: "Io violentata e presa a botte da ragazza"

Un’attrice diventata un’icona sexy degli anni ’70: Stefania Sandrelli ha lasciato un segno nelle commedie italiane di quell’epoca. Più recentemente la ricordiamo come la suocera tradita dal marito ne “L’ultimo bacio” di Muccino. Ma nessuno si sarebbe mai aspettato di ascoltare una confessione tanto disperata, come quella che la Sandrelli ha deciso di fare davanti alle telecamere di “Cyrano. L’amore fa miracoli“, il programma di Rai 3.

Durante l’intervista di Gramellini, la Sandrelli ha raccontato un episodio particolarmente doloroso, vissuto in giovane età e mai confessato. Lei stessa dichiara di averlo raccontato al compagno, Giovanni Soldati, poco tempo fa. Stefania ricorda che in quel periodo era molto amica di una ragazza chiamata Gigliola.

Il tremendo racconto di quegli attimi di violenza

Proprio il fidanzato di questa cara amica è stato il suo carnefice: “Era il fidanzato di una mia carissima amica, Gigliola. Dopo una giornata al mare con gli amici, a Ostia, mi ritrovai inaspettatamente sola con lui, che avrebbe dovuto riaccompagnarmi a casa in macchina. Gli altri si erano già avviati con Gigliola su un’altra auto. Capii che voleva fare l’amore con me. Mi colse di sorpresa, non me l’aspettavo proprio…”. Questo il terribile racconto di quegli attimi di paura e angoscia. 

La Sandrelli rifiutò di avere un rapporto con lui, anche in nome di quella amicizia che la legava a Gigliola, ma questa scelta le costò cara. Infatti il ragazzo, preso da un raptus di rabbia e orgoglio ferito, la riempì di botte. Purtroppo non lo denunciò, nemmeno le passò per la testa questa possibilità: “Non lo denunciai. E non solo perché era il fidanzato di Gigliola, in realtà allora il pensiero non mi sfiorò”.

Una decisione che ancora oggi non riesce a perdonarsi, vorrebbe aver agito diversamente e il rimpianto di non aver avuto la prontezza di denunciarlo le è rimasto come un macigno sul cuore: “Oggi però non aver detto nulla mi pesa sulla coscienza” e conclude facendo sapere che la sua amica decise di lasciare quel ragazzo. Che fine abbia fatto oggi non lo ha rivelato.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Cristina Giuli

Cristina Giuli - Raccontare una violenza subita in qualche modo alleggerisce il peso dei momenti tragici che si è stati costretti a subire. Il ricordo doloroso non ci lascerà mai, ma condividere ciò che ci è successo con qualcuno aiuta senz'altro a rimarginare le ferite dell'anima e a sopportare un po' meglio il dramma.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!