Iscriviti

YouTube: in arrivo i suggerimenti per i canali popolari, il cambio di nome per Red, ed il servizio Remix

YouTube ha lasciato trapelare diverse indiscrezioni in merito ad alcuni esperimenti in corso, che riguardano sia la sua piattaforma principale, che l'evoluzione dello spin-off "Red", ed il lancio del nuovo servizio "Remix": ecco di cosa si tratta.

Software e App
Pubblicato il 30 aprile 2018, alle ore 12:45

Mi piace
11
0
YouTube: in arrivo i suggerimenti per i canali popolari, il cambio di nome per Red, ed il servizio Remix

YouTube, il noto servizio di video streaming del gruppo Alphabet (Google), si prepara ad una serie di novità interessanti, relative sia al suo servizio principale che agli spin-off “Red” e “Remix”, all’insegna di una migliore esperienza d’uso per gli utenti, e di un’offerta più uniforme e meno dispersiva.

Per quanto riguarda la piattaforma principale di YouTube, diversi utenti hanno confermato – essendo in atto un test in tal senso – di aver ricevuto dei suggerimenti per iscriversi ad un dato canale: secondo le testimonianze pervenute, gli “inviti” – nella forma di “ti piace [nome del canale]?” – sarebbero acclusi in calce alla descrizione del video, e comparirebbero solo in relazione ai canali dei video più popolari e visti di frequente. Come accennato, trattandosi di una ristretta sperimentazione – non è dato sapere se e quanto tale innovazione verrà messa a regime per tutti gli youtubers. 

Altre novità, invece, sono emerse dall’analisi effettuata – da AndroidPolice – sul codice della versione 13.16 di YouTube per Android: secondo i colleghi, alcune stringhe di programmazione lascerebbero intuire il desiderio, di Google, di cambiar nome al mai decollato YouTube Red in YouTube Premium.

Inoltre, dalla medesima analisi, risultano anche tracce di una funzionalità anti “binge watching” (la pratica di guardarsi intere stagioni di serie TV a raffica, episodio dopo episodio): tale funzione “anti stress” si mostrerebbe attraverso un pop-up che inviterebbe a prendersi una pausa, con intervalli che possono essere fissati ogni 1 o 2 ore (o, anche, con la facoltà di disabilitare tali avvisi). 

Infine, YouTube Remix. È noto da tempo che Google voglia competere con Spotify lanciando un servizio simile, basato sui video musicali. Per evitare la concorrenza interna col già esistente Google Play Music, entro fine 2018, gli utenti di quest’ultimo dovrebbero essere migrati, a suon di notifiche e chiusura del servizio, verso il nuovo arrivato che, di conseguenza, ne erediterà le principali funzionalità (tra cui playlist smart, e suggerimenti): in compenso, dovrebbe esservi uno strumento di sincronizzazione che permetterà agli utenti traslocati di trovare anche nella nuova piattaforma gli acquisti effettuati sulla precedente. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Molte di queste novità riguardano prevalentemente gli USA, dove YouTube ha lanciato più versioni di se stessa, relative alla musica on demand, alla fruizione di contenuti TV, etc: credo che, decisamente, tale piattaforma debba fare un po' di chiarezza, sia nella sua offerta applicativa, che sul cosa voglia fare da grande, scegliendo - una buona volta - tra musica, video, l'essere (anche) una piattaforma tv o meno.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!