Iscriviti

WhatsApp: in rilascio globale il controllo sui link sospetti. Imminente lo sbarco sul Nokia 8810

WhatsApp, secondo le proverbiali segnalazioni di WABetaInfo, ha avviato il rilascio globale di alcune feature recentemente accennate, ed ha calendarizzato l'imminente sbarco sui telefoni base noti come feature phone (animati da KaiOS).

Software e App
Pubblicato il 23 luglio 2018, alle ore 18:30

Mi piace
8
0
WhatsApp: in rilascio globale il controllo sui link sospetti. Imminente lo sbarco sul Nokia 8810

WhatsApp, la celeberrima applicazione di messaggistica istantanea del gruppo Facebook, utilizzata da più di un miliardo di persone in ben 180 paesi in tutto il mondo, nei giorni scorsi, ha attivato una vera e propria battaglia contro la propagazione della disinformazione, delle Catene di Sant’Antonio, e dei virus tramite la sua piattaforma: molte di queste novità stanno entrando a regime proprio in queste ore e, nel contempo, si fa più vicino l’esordio sui telefoni “tradizionali”.

WABetaInfo, lo stesso gruppo di insiders che ha anticipato la limitazione sul numero di persone cui può essere inoltrato un medesimo contenuto (in India e Malaysia 5 utenti, nel resto del mondo 20), ha svelato un’altra novità decisamente connessa a quella appena citata: Menlo Park, infatti, avrebbe avviato anche la rimozione del “quick forward”, ossia dello strumento di “inoltra rapido”, posto accanto alle foto ed ai video che si riceve. Ora, in pratica, ad implementazione avvenuta, per condividere tali contenuti, bisognerà cercarli nella propria gallery: la speranza è che tale passaggio in più combatta lo sharing d’impulso e, quindi, freni le condivisioni seriali e poco meditate. 

Oltre a ciò, la medesima fonte ha reso noto – attraverso il suo canale Twitter ufficiale – il rilascio in corso di un’altra funzione, annunciata di recente, ed oggi soggetta ad un rilascio globale nella versione 2.18.221 di WhatsApp Beta: si tratta del controllo che segnala la presenza dei link “sospetti”, con secondo avviso incorporato e proposta di tornare indietro.

L’unico inconveniente è che non sempre è sufficiente aggiornare alla beta citata ed attendere l’attivazione della feature da server remoto: a volte, alcuni utenti hanno dovuto, effettuato il backup delle proprie conversazioni, forzare il tutto disinstallando la precedente versione dell’app, ed installando la nuova. In ogni caso, l’introduzione di tale “antivirus integrato” – anche nella versione stabile – sembrerebbe avvicinarsi più che in passato. 

Infine, una notizia che farà felici anche quanti – e non sono solo anziani – fanno sovente ricorso ad un normale “feature phone”, purtroppo sprovvisto di Android e relative applicazioni. A partire dal 15 Agosto, infatti, una versione minimale (secondo un video di The Quint, ci sono i gruppi ma non le chiamate) di WhatsApp arriverà anche sullo JioPhone, uno dei primi esemplari di telefono basilare fondato sul sistema operativo KaiOS: dopo quel momento, sarà solo questione di tempo perché, ad esempio, si possa usare WhatsApp anche su feature phone più blasonati e diffusi anche in Occidente (come, ad esempio, il celebre banana phone Nokia 8810). 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Ad oggi, ho solo notato la fastidiosa etichetta che mi segnala come non originali i contenuti semplicemente "inoltrati": non ho avuto modo di verificare le funzionalità accennate da WABetaInfo, sulla cui attendibilità non v'è comunque da dubitare. Spero, comunque, che tali novità arrivino presto a tutti in maniera definitiva. In merito alla versione minimale di WhatsApp per KaiOS, sarebbe carino concepirne una - in stile WhatsApp Go o Lite - anche per noi poveri occidentali cui, forse, di stickers e compagnia bella non importa granché...

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!