Iscriviti

WhatsApp: blocco degli inoltri su Windows, nuovo layout per le segnalazioni su Android, possibile ban in India

WhatsApp, nel mentre sperimenta semplificazioni nella segnalazione degli utenti e dei gruppi, rilascia stabilmente un'utile funzione per i computer Windows: presto, però, i 200 milioni di utenti indiani potrebbero doverla abbandonare.

Software e App
Pubblicato il 10 agosto 2018, alle ore 17:48

Mi piace
11
0
WhatsApp: blocco degli inoltri su Windows, nuovo layout per le segnalazioni su Android, possibile ban in India

WhatsApp, dopo tanto sperimentare, sovente introduce qualche novità a beneficio dei suoi utenti. Quelli dell’ecosistema Windows, da PC, potranno beneficiare di un’interessante protezione contro l’invio massivo di messaggi, mentre – a tutela degli utenti Android – la versione beta dell’app si arricchisce di un migliorato sistema di segnalazione degli utenti e dei gruppi. Intanto, però, continuano i problemi con le autorità indiane, e ben 200 milioni di utenti potrebbero presto dover migrare verso altri lidi (applicativi, s’intende). 

La prima novità, giunta in pianta stabile su WhatsApp, riguarda la sua versione per Desktop Windows scaricabile dal Microsoft Store: a partire dall’edizione “0.3.255.0”, oltre alla correzione di alcuni bug ed a vari miglioramenti nella stabilità, arriva anche la restrizione all’inoltro dei messaggi, qui come nell’app mobile, bloccata a massimo 20 contatti

Oltre a tale innovazione, che giunge a beneficio degli utenti Windows come in precedenza è avvenuto anche per quelli delle piattaforme mobili, arriva un nuovo update, attualmente in fase di roll-out, anche per coloro che abbiano aderito al programma beta dell’app, scaricandola poi dal Play Store o dall’archivio di ApkMirror.

Con la versione 2.18.246 di WhatsApp Beta per Android, in pratica viene ridisegnata l’interfaccia del pop-up che appare quando si blocca un utente o un gruppo: nel primo caso, nella medesima “nuvoletta” si ha anche la possibilità di cancellare tutti i messaggi di quel dato utente, e di segnalarlo a WhatsApp mentre, nella seconda situazione, oltre alla segnalazione, si ottiene l’uscita automatica dal gruppo, pur potendo conservare la cronologia della chat. 

Concludiamo con una notizia poco rassicurante per il futuro di WhatsApp in India. A seguito di alcuni problemi di ordine pubblico (linciaggi generati dalla circolazione di bufale tramite l’app), WhatsApp era stata costretta – per non perdere i 200 milioni di utenti locali – a varare una campagna d’informazione su come arginare le bufale ed aveva limitato l’inoltro simultaneo di uno stesso messaggio a massimo 5 individui (20 nel resto del mondo).

Nuova Delhi ha deciso che ciò non è abbastanza e, di conseguenza, il ministero delle telecomunicazioni ha inviato un documento alle imprese locali che offrono telecomunicazioni nel quale viene richiesto di studiare possibili soluzioni per bloccare le app di messaggistica in caso di abuso o emergenza. Nel novero delle piattaforme di messaggistica citate ad esempio, a parte Telegram e qualche altra, vi è tutto il meglio di Menlo Park, tra cui Facebook, Instagram e, appunto, WhatsApp

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - WhatsApp, da quello che si dice in giro, potrebbe avere il destino segnato in India, paese col quale ha sempre avuto rapporti difficili. Singolare che sia solo quella nazione a porre tanta attenzione su problemi che, invero, riguarderebbero gli utenti di tutto il mondo. Per il resto, trovo spiacevole che alcune novità importanti non giungano su tutte le versioni di WhatsApp in simultanea: offrire un'esperienza d'uso così divergente tra un ecosistema operativo e l'altro non è certo degno di una grande app come la messaggistica in verde.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!