Iscriviti

WhatsApp beta: correzioni e passi avanti nella nuova registrazione degli audio messaggi

Con l'arrivo della beta 2.18.84, WhatsApp per Android va a correggere alcuni bug nelle emoji, e nella descrizione dei gruppi ma, soprattutto, sebbene sotto la superficie, annovera dei decisi passi avanti nell'interfaccia dei nuovi messaggi audio.

Software e App
Pubblicato il 15 marzo 2018, alle ore 17:52

Mi piace
10
0
WhatsApp beta: correzioni e passi avanti nella nuova registrazione degli audio messaggi

Periodo di bonaccia per WhatsApp che, almeno a livello superficiale, sconta l’attivismo delle app rivali, decisamente più prese a rivoluzionare la rispettiva esperienza utente (basti pensare al “tweetstorm” di Twitter). Tuttavia, come si suol dire, sotto la cenere alberga spesso del fuoco vivo e, così, analizzando ancora una volta il codice dell’ultima beta rilasciata, sono emerse anche in WhatsApp interessanti passi avanti.

Nello specifico, dopo il rilascio della nuova beta, versione 2.18.84, di WhatsApp per Android, i leaker di WABetaInfo, operandone il teardown (disassemblamento), hanno scoperto dei passi avanti fatti in relazione al nuovo modo di registrare i messaggi vocali.

Come noto, da tempo l’app è intenzionata a consentirne la registrazione senza la necessità di tener premuto il tasto dedicato e, nel minor update citato, è possibile constatare come l’interfaccia utente sia stata semplificata in merito: ora, dei suggerimenti e delle animazioni spiegano come andranno registrati gli audio messaggi una volta che tale funzione sarà a regime. Per ora, infatti, si tratta di migliorie cui l’utente comune non è ancora abilitato e, quindi, ad oggi, i messaggi vocali vanno ancora registrati con la prolungata pressione del “Rec”. 

Con la versione 2.18.84 di WhatsApp Beta restano ancora sotto la superficie anche gli stickers, ed il relativo store, ma arrivano diverse correzioni. Alcune di esse, di carattere minore, vanno a intervenire sulle emoji, mentre altre – di ben maggiore importanza – si occupano di un curioso bug inerente la descrizione dei gruppi, a causa del quale – premendo sul messaggio “Hai cancellato questa descrizione” che compariva allorché si procedeva a tale operazione – diveniva possibile chiamare se stessi

Per disporre delle correzioni in questione, e di una versione che pone basi più solide per l’arrivo dei messaggi vocali registrati in modo più comodo, occorre scaricare l’apk con la numerazione citata, dalla repository online di ApkMirror, o direttamente dal Play Store di Android, qualora si abbia avuto cura di iscriversi al gruppo Google Plus dei beta tester dell’applicazione in verde.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Quelli delle beta di WhatsApp sono alcuni dei casi in cui un software provvisorio può essere tranquillamente installato: anzi, considerando che spesso tali beta hanno delle correzioni importanti prima delle versioni definitive, è bene procedere ad installarle, se possibile, anche sul proprio smartphone. Peccato, però, che per poter provare le novità più interessanti (non dico utili) occorra attendere ancora un po', perché anche nella beta di cui sopra gli stickers ed i nuovi messaggi audio restano in modalità "latente".

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!