Iscriviti

Google: Chrome bloccherà le pubblicità invasive, mentre le smart replies smaltiranno le risposte di routine

Google ha annunciato un'importante novità relativa a Chrome che, da oggi, bloccherà automaticamente le pubblicità: non tutte, solo quelle invasive. Nel frattempo, il suo laboratorio sperimentale medita di estendere le smart replies alle app di terze parti.

Software e App
Pubblicato il 15 febbraio 2018, alle ore 13:25

Mi piace
9
0
Google: Chrome bloccherà le pubblicità invasive, mentre le smart replies smaltiranno le risposte di routine
Pubblicità

Google continua a sfornare novità in questo periodo e, dopo essersi concentrata su YouTube, torna a sperimentare nuove soluzioni, ed a migliorare alcuni software già presenti sul mercato, come il diffusissimo browser Chrome che, da oggi, blocca di default le pubblicità “invasive”.

La prima novità Googleiana è frutto dell’Area 120, un incubatore di progetti sperimentali non controllato direttamente da Mountain View, che – ultimamente – si sta focalizzando sul tema delle “smart replies”: queste ultime sono già da tempo presenti in Gmail e permettono, dopo una scansione della posta ricevuta, in base ad un algoritmo, di suggerire le risposte preconfezionate più idonee a fornire un immediato feedback a chi ci scrive, in assenza di maggior tempo per una risposta più completa.

Ebbene, Area 120 vorrebbe portare tutto ciò all’interno di un’app standalone, per la quale si cercano già tester, chiamata “Reply” che dovrebbe funzionare in tandem non solo con app googleiane (Messaggi e Hangouts), ma anche con client di messaggistica istantanea e social di terze parti (Skype, Twitter, WhatsApp). Il tutto avverrà nell’area notifiche ove, in calce all’avviso del messaggio arrivato, una barra con 3 pulsanti offrirà le 3 più probabilmente idonee risposte per replicare

La seconda novità è stata annunciata dal direttore tecnico di Chrome, Chris Bentzel, sul blog ufficiale della “sua” creatura e consiste nel fatto che, a partire dal 15 Febbraio, il browser più diffuso al mondo (preferito da oltre il 59% degli utenti) bloccherà automaticamente le pubblicità, alla maniera degli ad-blocker (che, infatti, hanno parlato di competizione sleale, e di conflitto d’interessi, visto che Google gestisce anche canali pubblicitari).

Nel dettaglio, Google (come anche Brave) non bloccherà proprio tutte le pubblicità, ma solo quelle invasive come spam, pop-up improvvisi, audio che partono automaticamente, etc: il tutto avverrà in base alle linee guida definite dal consorzio “Coalition for Better Ads”, nato nel 2016 per diffondere una moral suasion verso la pubblicità corretta. 

Quando un utente finirà su un sito segnalato nelle definizioni del C.B.A, tutte le richieste afferenti javascript ed immagini che partiranno da esso verso il browser dell’utente verranno analizzate in base ai filtri di EasyList e, in caso di riscontro positivo, bloccate, in modo che sulla pagina non vengano caricate le pubblicità, con conseguente risparmio nel tempo di rendering delle pagine, e del traffico dati (nel caso la linea non disponga di una soglia dati illimitata).

Il blocco in questione verrà evidenziato sul browser Desktop con un avviso simile a quello attuale dei pop-up mentre, lato mobile, con un messaggio in una barra inferiore dedicata alle informazioni: espandendo l’alert, sarà possibile anche disattivare tale blocco, autorizzando la visualizzazione dei banner bloccati. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - L'iniziativa di Google con l'ad-blocker integrato in Google mi ricorda sia il progetto di AdBlock (Plus) che, di punto in bianco, passò dal bloccare tutti i banner al concentrarsi su quelli solo invasivi (con conseguente fuga degli utenti verso uBlock Origin), che il browser mobile "Brave" di Brendan Eich (co-fondatore di Mozilla) che limita solo le pubblicità pesanti, lasciando libere quelle anonime, non traccianti, e leggere. Sarà una scelta vincente? O la gente continuerà a preferire, come credo, gli ad-blocker di terze parti? La novità relativa alle smart replies messe a disposizione delle principali app social-messaggistiche mobili è assai gradita, e libererebbe gli utenti di gran parte delle risposte di routine che spesso tocca digitare, anche in mancanza di tempo: peccato che, avvalendosi di tale strumento, qualcuno finirà per leggere e analizzare i messaggi che riceveremo...

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!