Iscriviti

Google: addio capcha online, benvenuti pagamenti gratis tramite Gmail

Google ha annunciato il rilascio di 2 novità applicative: la prima consentirà di aggirare i captcha grazie all'intelligenza artificiale, mentre la seconda permetterà di effettuare pagamenti o donazioni online, senza costi di commissione, tramite Gmail.

Software e App
Pubblicato il 17 marzo 2017, alle ore 12:58

Mi piace
19
0
Google: addio capcha online, benvenuti pagamenti gratis tramite Gmail
Pubblicità

Periodo di grande effervescenza in casa Google. Dopo il nuovo parental control, Family Link, in test presso alcuni genitori androidiani d’oltreoceano, Mountain View ha annunciato il prossimo rilascio di un nuovo sistema di verifica dell’identità online, l’Invisible reCaptcha, e la possibilità di inviare denaro direttamente da Gmail.

Per quanto riguardo la prima novità, una piccola premessa è doverosa: su Internet, per verificare che dinanzi a un sito non si celi un bot, è spesso necessario compilare dei quiz alfanumerici chiamati Captcha. Orbene, sui device mobili cotal prassi può risultare particolarmente seccante, oltre che scomoda (a causa dei touchscreen), e – quindi – Google ha ideato il sistema di verifica “Invisible reCaptcha”, basato sull’intelligenza artificiale, e sul deep learning. 

In sintesi, d’ora innanzi, il nuovo sistema di verifica valuterà la presenza di un uomo, o di un bot, sulle pagine di un sito analizzando il comportamento dell’utente, il tempo passato su un sito, i movimenti del mouse, ed informazioni accessorie sull’IP di provenienza. In caso positivo, arriverà il via libera istantaneo, senza nulla pretendere: diversamente, in caso di dubbio o errore, verrà riproposto il quiz alfanumerico, o una sorta di rebus rapido, come l’associazione di un’immagine ad altre figure similari all’interno di una gallery. Google rilascerà a breve le istruzioni affinché i realizzatori di siti web, ed i programmatori, possano includere, nelle prossime settimane, questa nuova funzionalità (in test, in forma embrionale, dal lontano 2014) nei rispettivi servizi in Rete. 

Passando alla seconda novità software, Google ha introdotto – nella sua Gmail, sia in forma di web client che di app per Android – la possibilità di effettuare pagamenti online direttamente dalla propria casella di posta, a costo zero, senza bisogno di altre app o realtà similari. Basterà selezionare il destinatario, compilare un’email, ed effettuare un allegato: solo che, in questo frangente, scegliendo l’opzione “send money” (invia denaro) – in tandem con Google Wallet – verrà inviato un pagamento, o una donazione. Tutto dipenderà dalla descrizione che si farà, a mo’ di causale, per il versamento in oggetto.

Il destinatario della mail, pur non avendo una Gmail, si ritroverà automaticamente la somma versata sul conto corrente: senza far nulla, e senza commissione alcuna (al contrario di quanto avviene per le app Squadre Cash, e Venmo): la funzionalità in questione è già attiva, ma solo per gli utenti USA e UK di Android e di internet, e non è dato sapere quando e se si estenderà negli altri paesi a favore di tutta l’utenza (anche iOS). La sfida a Facebook che, nel suo Messenger per gli USA, permette di fare qualcosa di simile è ormai lanciata. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Le ultime novità di Google mi piacciono davvero tanto. La possibilità di autenticarsi su alcuni siti senza dover compilare quei fastidiosi captcha è davvero intelligente, e semplificherà non di poco la navigazione web, e l'accesso a taluni servizi online. Quanto al pagamento via mail, sarà una bella mazzata anche per PayPal: sempre a vantaggio di noi utenti, però.

Lascia un tuo commento
Commenti
Elena Palatini
Elena Palatini

24 marzo 2017 - 11:20:31

Con.cordo

0
Rispondi
Elena Palatini
Elena Palatini

21 marzo 2017 - 16:04:12

Lo spazio umano è sempre più ridotto.

0
Rispondi
Elena Palatini
Fabrizio Ferrara

21 marzo 2017 - 21:36:24

Beh, se l'eccessiva tecnica mi evita delle seccature...

0
Elena Palatini
Elena Palatini

18 marzo 2017 - 10:51:42

Eccessiva tecnica

0
Rispondi
Elena Palatini
Fabrizio Ferrara

18 marzo 2017 - 11:00:03

Ovvero?

0